A Reggio sequestrata fabbrica di marijuana “made in China”

Rinvenuti dai Carabinieri alcuni quintali di marijuana, oltre 1.600 piante e "un avveniristico impianto di areazione, irradiamento e irrigazione".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

marijuanaBOLOGNA – Una vera e propria fabbrica di marjuana ‘made in China’ suddivisa i reparti produttivi (coltivazione, irradiazione ed essiccazione) è stata localizzata e sequestrata in provincia di Reggio Emilia, dai Carabinieri di Guastalla.

Al suo interno i militari hanno rinvenuto alcuni quintali di marijuana, oltre 1.600 piante e “un avveniristico impianto di areazione, irradiamento e irrigazione”, grazie al quale gli imprenditori cinesi, finiti in manette, erano riusciti a riprodurre l’habitat perfetto per far crescere lo stupefacente.

L’ingente quantitativo di stupefacente sequestrato al dettaglio avrebbe fruttato tre milioni di euro. I dettagli dell’indagine verranno resi noti nella conferenza stampa che i vertici del Comando Provinciale reggiano terranno alle 15 di oggi al Comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»