Aboca se ne va? La Regione: “Pronti a incontrare subito Mercati”

FIRENZE - Dopo l'annuncio choc sul possibile 'trasloco' in Sardegna per fuggire da un territorio troppo inquinato da
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Dopo l’annuncio choc sul possibile ‘trasloco’ in Sardegna per fuggire da un territorio troppo inquinato da pesticidi e ogm, la Regione Toscana è disponibile ad incontrare subito Valentino Mercati, il fondatore e titolare di Aboca, la nota azienda di prodotti basati su principi naturali per la salute, che ha sede a Sansepolcro, per discutere del futuro dell’azienda in Toscana.

A parlare è l’assessore regionale all’Agricoltura, Marco Remaschi, che si dice pronto, d’intesa con gli enti locali e le parti sociali, a incontrare “appena possibile il fondatore e titolare di Aboca per discutere delle prospettive del gruppo e del territorio che la ospita”.

Valentino_Mercati
Valentino Mercati, fondatore di Aboca

La segreteria dell’assessore Remaschi è già al lavoro per attivare un tavolo di confronto ed è in attesa di una risposta da parte dell’azienda. La notizia, che è uscita su alcuni quotidiani questa mattina, ha lasciato tutti di stucco: Mercati ha spiegato di avere intenzione di lasciare la Toscana  per la Sardegna, o il Marocco forse, per sfuggire ai pesticidi e ai raccolti ogm che minacciano il suo raccolto. Una scelta in qualche modo forzata, dettata dall’intento di mantenere i prodotti rigorosamente bio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»