Uno per carrello e ogni 10 metri, la Toscana ‘regola’ i supermercati

Il presidente della Toscana Eugenio Giani firma un'ordinanza per evitare gli assembramenti nei supermercati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENE – Una persona ogni dieci metri quadrati. Una per famiglia. Nei supermercati e centri commerciali toscani scatta l’ordinanza. Dopo giorni di riflessioni, il presidente della Regione Eugenio Giani scioglie il nodo: dopo i richiami all’autodisciplina, spiega nel corso di una diretta Facebook lanciata per spiegare il provvedimento, “occorre essere più rigorosi, visto che la situazione sanitaria è preoccupante. I contagi crescono e dobbiamo cercare tutti di autolimitarci, soprattutto per una pandemia che si presenta sempre più con i caratteri dell’asintomaticità”.

Da qui la misura anti resse che entrerà in vigore domani. Diverse le misure previste. Ogni struttura (media e grande) dovrà indicare il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all’interno, garantendo, però, un parametro fisso, “un cliente ogni 10 metri quadri di superfice di vendita, esclusi gli operatori”, è scritto nella pagina social del governatore. Negli esercizi a prevalenza alimentare, inoltre l’accesso sarà consentito “a una sola persona per nucleo familiare”, una a carrello in sostanza, con indosso la mascherina e dopo l’igienizzazione obbligatoria delle mani.

Inoltre dovranno essere utilizzati “opportuni sistemi di scaglionamento e prenotazione per non superare il limite di capienza individuato”, differenziando dove possibile i percorsi di entrata e uscita“. E ancora: per le medie e grandi strutture all’ingresso dovranno essere posizionati rilevatori di temperatura corporea e, sempre dove possibile, la Regione raccomanda l’installazione di pannelli per separare i clienti in prossimità di banchi e casse.

Nei centri commerciali “dovranno essere previsti ingressi differenziati tra la galleria” dei negozi “e gli esercizi a prevalenza alimentare”. Nelle aree comuni sarà “vietato consumare alimenti e bevande al di fuori degli spazi destinati alle attività di somministrazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»