Coronavirus, Brusaferro: “Situazione grave, Rt sopra l’1,7 e scenario 4 in undici regioni”

Così il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, nella conferenza stampa organizzata dal ministero della Salute per la cabina di regia della situazione epidemiologica in Italia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’epidemia sta correndo in tutti i Paesi europei, tra cui la Germania che riporta diverse regioni dove l’epidemia sta crescendo fortemente. Il numero di nuove persone positive, in Italia, è aumentato molto nelle ultime due settimane. L’incidenza che calcoliamo nella cabina di regia, con cadenza bisettimanale, ci indica 280 casi per 100mila abitanti. Questi che vi presentiamo sono dati calcolati fino a domenica scorsa, quindi tengono conto di una realtà con un pochino di ritardo. Mentre il dato settimanale di cui diamo conto settimanalmente, è un’istantanea dei dati del momento”. Lo ha detto il professore Silvio Brusaferro, presidente dell’istituto superiore di Sanità, nella conferenza stampa organizzata dal ministero della Salute per la cabina di regia della situazione epidemiologica in Italia.

LEGGI ANCHE: Incubo scenario 4: contagi fuori controllo e categorie fragili non protette

“A fronte di questa situazione epidemiologica- spiega Brusaferro- iniziano ad essere nuovamente colpite le persone anziane. La trasmissione del virus alle persone più anziane desta preoccupazione. Oggi presentiamo anche un’analisi campionaria sulle cartelle cliniche dei pazienti deceduti, di cui abbiamo fatto anche una comparazione, marzo-maggio; giugno-agosto e settembre-ottobre che stiamo ancora vivendo. Il 73% delle persone decedute aveva più di tre patologie, l’1% non aveva alcuna patologia, quindi nessuna co-morbidità”.

“In Italia- prosegue Brusaferro- tutte le Regioni sono significativamente superiori a Rt 1 e il dato Rt della maggior parte è oltre 1,7; anche se questo quadro epidemiologico è relativo ad un situazione precedente rispetto alle misure intraprese. Tuttavia lo scenario 4 è stato raggiunto in alcune Regioni, la situazione è grave e si traduce in una estrema difficoltà di tracciamento. Ci sono alcuni contesti regionali in cui è importante fare una valutazione di intervento urgente e mirato”.

Undici regioni sono già nello scenario 4 con i dati della scorsa settimana- ribadisce Brusaferro- ma il Paese ha assunto decisioni impegnative con il Dpcm del 24 ottobre. Il documento stesso prodotto da tutti i soggetti che partecipano alla definizione della situazione epidemiologica, tiene conto di una certa flessibilità e della messa a disposizione di una serie di strumenti articolati ed elastici, a seconda della necessità, sia a livello locale che nazionale. Settimanalmente i profili delle Regioni vengono condivisi con la cabina di regia, c’è un monitoraggio continuo della situazione, sulla quale si possono innestare nuove condizioni di sorveglianza e contenimento dell’epidemia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»