Leyla Hussein è la prima rettrice nera dell’Università St. Andrews

Una specialista in mutilazioni genitali femminili nata in Somalia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – E’ nata in Somalia ed e’ una psicoterapeuta e docente internazionale specializzata in mutilazioni genitali femminili riconosciuta a livello internazionale. Adesso, Leyla Hussein, questo il suo nome, e’ anche la prima donna nera a ricoprire il ruolo di rettrice della St. Andrew University, ateneo piu’ antico di Scozia e ritenuto tra i piu’ presitigiosi d’Europa.

La nuova dirigente e’ cittadina britannica e nel 2019 era stata nominata Ufficiale dell’impero brittanico (Obe) dalla regina Elisabetta II per il suo impegno nella lotta alle mutilazioni genitali. La psicoterapeuta, che e’ stata a sua volta sottoposta a questa pratica quando aveva sette anni, e’ la fondatrice del Dahlia Project, primo ente a fornire assistenza specialistica alle donne sopravvissute alle mutilazioni nel Regno Unito. Hussein ha commentato la nomina sui suoi profili social, definendosi “entusiasta” per la nuova carica ottenuta e affermando: “e’ stata fatta la storia. Il cambiamento sta arrivando”.

Entusiasmo condiviso anche dalle autorita’ delle St. Andrews, che si sono congratulate con la nuova dirigente sui social. La decisione di affidare a Hussein il rettorato arriva mesi dopo l’ammissione, da parte dei dirigenti dell’universita’, di “aver fallito per decenni” nell’integrazione degli studenti appartenenti a minoranze. “Abbiamo deluso molti allievi, e siamo un’universita’ molto piu’ povera per colpa di questo atteggiamento”, aveva dichiarato la responsabile dei docenti dell’ateneo, Sally Mapstone.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»