Aborto, l’1 novembre preghiera nei cimiteri per i bambini mai nati

Iniziativa della comunità Papa Giovanni in Emilia-Romagna, Friuli e Piemonte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un momento di preghiera per tutti i bambini mai nati, anche per interruzione volontaria della gravidanza, nel giorno di Ognissanti. A organizzare l’iniziativa è la Comunità papa Giovanni XXIII che dopodomani, venerdì 1 novembre, si radunerà in alcuni cimiteri di Emilia-Romagna, Piemonte e Friuli Venezia-Giulia dove appunto sono seppelliti i bimbi che non sono mai venuti alla luce. I cimiteri individuati sono otto: a Bologna (Certosa), Modena (San Cataldo), Forlì (monumentale) e Rimini; a Cuneo e nei Comuni della provincia Savigliano e Fossano; a Rivignano Teor, in provincia di Udine.

LEGGI ANCHE

Un’onda di luce per i bambini mai nati, la Giornata mondiale del lutto perinatale

Sanità, per la prima volta diagnosticata anemia mediterranea sul feto con test prenatale

Parto cesareo per una donna su 3, Campania ‘regina’ d’Italia

Saranno “luoghi in cui fare memoria dei piccoli concepiti- spiega la Comunità papa Giovanni XXIII- morti nel grembo delle loro madri prima di venire alla luce. Ricorderemo i bambini morti per cause naturali e quelli che sono stati vittima dell’interruzione volontaria di gravidanza. Piccoli fratelli defunti. La preziosità della loro vita non dipende da quanti giorni è durata, ma dall’essere stata amata da Dio, creata a sua immagine e somiglianza, destinata all’immortalità”, commenta il presidente Giovanni Paolo Ramon

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»