Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Italia rischia il crollo del Pil a causa dei cambiamenti climatici

La Relazione 2019 sullo stato della green economy parla della perdita di dieci punti percentuali. E il divario tra Nord e Sud si aggraverà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il cambiamento climatico indotto dall’azione umana rappresenta una delle grandi minacce e delle grandi sfide di questo secolo. Pur non essendo fra le aree più povere e vulnerabili, l’Italia è tuttavia, per la sua collocazione mediterranea, uno dei Paesi europei più esposti alla crisi climatica, un vero e proprio ‘hot spot’ del clima. Proseguendo con il trend attuale di emissioni, l’Italia rischia di avere perdite di alcuni punti percentuali di Pil già a metà secolo e fino al 10% di Pil nella seconda metà del secolo, pari circa 130 miliardi di euro l’anno”. La Relazione 2019 sullo stato della green economy, che sarà presentata in apertura degli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Consiglio nazionale della Green Economy in collaborazione con il ministero dell’Ambiente e con il patrocinio del ministero dello Sviluppo economico e della Commissione Europea, presenta un focus sugli ‘Impatti economici dei cambiamenti climatici in Italia’ realizzato dall’European Institute on Economics and the Environment in collaborazione con la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e Italy4Climate. Gli Stati Generali della Green Economy, che avranno come tema il ‘Green New Deal e sfida climatica: obiettivi e percorso al 2030’, si svolgeranno il 5 e 6 novembre 2019 alla Fiera di Rimini di Italian Exhibition Group, nell’ambito di Ecomondo.

La crisi climatica “non solo rallenterà la crescita, ma aggraverà anche il divario delle condizioni economiche del Sud Italia rispetto al resto del Paese, con un aumento della disuguaglianza regionale stimato del 60% nella seconda metà del secolo”.

Le proiezioni contenute nello studio evidenziano “una dicotomia nord-sud in cui le regioni meridionali e le isole maggiori riportano perdite del 5-15% nel 2050 e del 5-25% nel 2080,ma anche al nord si registreranno spiccate perdite nelle aree del veneziano“. Si nota anche, “seppur meno marcata, una dicotomia tra aree adriatiche e tirreniche, con le prime meno impattate delle seconde”.

“I temi della crisi climatica e dell’ambiente- osserva Edo Ronchi, del Consiglio nazionale della Green Economy e presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile- sono oggi al centro di un dibattito pubblico e sui media come mai in passato. Il nuovo governo ha posto fra le priorità programmatiche un Green New Deal: una proposta che gli Stati Generali della Green Economy sostengono da qualche anno come via per affrontare congiuntamente la crisi climatica e il rilancio dello sviluppo sostenibile dell’Italia basato sulla green economy. Lo studio sugli impatti economici della crisi climatica vuole contribuire a meglio definire le ragioni della green economy per un Green New Deal”.

Secondo lo studio “i danni economici maggiori in Italia sarebbero quelli causati dalle alluvioni; quelli all’agricoltura per una variazione delle produzioni e una diminuzione delle rese; quelli arrecati al turismo per le ondate di calore, l’avanzamento dell’erosione delle spiagge, la mancanza di neve in montagna, la frequenza degli eventi atmosferici estremi. Inoltre i costi dei consumi di energia elettrica per il raffrescamento continueranno a crescere e anche quelli, di più complessa quantificazione, sanitari per l’aumento delle patologie legate all’aumento delle temperature”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»