Whirlpool, Patuanelli: “L’azienda ritira la cessione”

Il ministro lo ha annunciato in diretta facebook. "Non voglio essere trionfalista, ma ora ci sono le condizioni per rimettersi al tavolo e lavorare per trovare una soluzione per lo stabilimento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Voglio rivolgermi direttamente ai lavoratori dello stabilimento di Napoli della Whirlpool per dare loro una buona notizia. In queste ore, l’azienda mi ha comunicato la volontà di ritirare la procedura di cessione“. Lo ha annunciato in diretta facebook il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli. “E’ un primo passo- aggiunge-, un primo risultato che ci consente di risederci ad un tavolo per provare a risolvere definitivamente i problemi di quello stabilimento.

“Su questa vertenza il governo grazie al presidente del consiglio e grazie al Mise c’ha messo la faccia. Abbiamo ottenuto questo primo importante risultato. Io non voglio essere trionfalista e non voglio dire che abbiamo risolto definitivamente quel problema, ma certamente e il passo piu’ importante che dovevamo compiere per arrivare a una soluzione definitiva per lo stabilimento di Napoli”, ha aggiunto Patuanelli.

E’ un risultato che “abbiamo ottenuto grazie all’impegno, alla compattezza dei lavoratori e alla loro manifesta volonta’ di voler lavorare in quello stabilimento. E’ il primo passo ma era fondamentale farlo”.

IL COMUNICATO DELL’AZIENDA

“Whirlpool EMEA comunica di essere pronta a ritirare la procedura di trasferimento del ramo d’azienda, a non procedere con il licenziamento collettivo dei dipendenti di Napoli e a continuare la produzione delle lavatrici” Cos’ in una nota l’azienda che spiega come la “la decisione, condivisa con il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, è stata presa con l’obiettivo di ripristinare un clima costruttivo nella trattativa con il governo e con le organizzazioni sindacali: Whirlpool EMEA ritiene, infatti, che le attuali tensioni siano controproducenti nella ricerca di una soluzione condivisa, a fronte di una situazione di mercato che rende insostenibile il sito e che necessita di una soluzione a lungo termine”. Whirlpool, prosegue la nota, “è convinta che, con maggior tempo a disposizione, si possa ristabilire un dialogo costruttivo e raggiungere una soluzione condivisa per garantire un futuro sostenibile nel lungo termine allo stabilimento di Napoli e ai suoi 400 dipendenti”. Alla luce di questo nuovo e importante sviluppo, conclude l’azienda, “nei prossimi giorni ripartirà il tavolo di confronto con tutte le parti coinvolte”.

I SINDACATI CONFERMANO LO SCIOPERO

Dopo la notizia, annunciata dall’azienda e dal ministro Stefano Patuanelli, del congelamento dello stop alla produzione e dei licenziamenti dei 400 lavoratori del sito Whirlpool di Napoli, previsto per il primo novembre, i sindacati confermano lo sciopero di quattro ore di domani.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»