Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Buon compleanno a Renato Zero, i video senza tempo del ‘Re dei sorcini’

Compie oggi 71 anni uno degli cantanti italiani più amati di sempre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘Il triangolo’, ‘I migliori anni della nostra vita’, ‘Mi vendo’, ‘Cercami’, ‘Il carrozzone’. Sono solo alcuni dei tanti successi che hanno segnato una carriera musicale lunga 50 anni. Non male per chi veniva definito ‘uno zero’, e che ha trasformato quel numero, con la Z maiuscola, in un marchio di qualità e successo. Trasformista, trasgressivo, anticonformista, unico: è Renato Zero, il ‘Re dei sorcini’ che oggi compie 71 anni. Renato Fiacchini, questo il suo vero nome, nasce il 30 settembre 1950, tra via Ripetta e piazza del Popolo, nel cuore della sua amata Roma. Gli esordi nel mondo della musica risalgono ai primi Anni 70, quando con fatica si impone nel panorama musicale. La consacrazione arriva nel 1976 con l’album ‘Trapezio’, a cui seguirà un anno dopo ‘Mi vendo/Morire qui’, con cui resterà in classifica per 57 settimane. Da lì non si è mai fermato, arrivando nel 2020, in occasione dei suoi 70 anni, a lanciare altri 3 album, per un totale di 40 canzoni inedite. Ecco alcuni dei video memorabili della sua straordinaria carriera.

LEGGI ANCHE: VIDEO | ‘Zerosettanta’, Renato Zero presenta il capitolo conclusivo della trilogia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»