Recovery fund, Fortuna: “Fondamentale non sbagliare, ma serve anche il Mes”

Intervista a Fabio Fortuna, economista e rettore dell’UniCusano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ha ragione il presidente di Confindustria Bonomi, sul Recovery Fund il governo non può fallire, altrimenti il Paese non si riprenderà più. Bisognerà fare un Recovery plan ad arte, concentrandosi su alcuni aspetti fondamentali, perché le risorse non sono infinite. E’ il tempo dei fatti, bisogna tirare fuori delle idee che, nella sintesi, ci portino ad investire in modo opportuno e a rilanciare il Paese. Se non ci riusciremo, l’Italia purtroppo sarà destinata a regredire e a scendere sempre più in basso nelle classifiche mondiali”. Così Fabio Fortuna, economista e rettore dell’UniCusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus.

RIGUARDO AL MES

 “I 37 miliardi per fronteggiare i costi diretti e indiretti legati al covid rappresentano un’occasione unica per migliorare il nostro sistema sanitario- ha continuato- Basta parlare con qualcuno che lavori nel settore per rendersi conto che gli ospedali hanno bisogno di risorse, soprattutto in questo periodo. In alcuni reparti mancano ancora gli strumenti di protezione adeguati per gli operatori sanitari, sono cose intollerabili. C’è questa occasione di avere soldi da investire subito, con un debito che restituiremo in 10 anni a tasso zero, direi che è ora di smetterla con le chiacchiere e con le divisioni politiche. Bisogna agire per il bene dei cittadini e prendere questi soldi per investirli nella sanità. Sono fiducioso sul fatto che alla fine il Mes sarà utilizzato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»