AAA Cercasi assessora nel Potentino, sindaco di Tolve pubblica un avviso

"Non ho donne elette nella mia lista e nel rispetto della legge sulle quote rose dovrò rivolgermi all'esterno" ha spiegato alla Dire Pasquale Pepe
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – “Acquisizione disponibilita’ da parte di personalita’ di sesso femminile ad assumere la carica di assessore“. È l’avviso pubblico del Comune di Tolve dove e’ stato rieletto sindaco con 1.041 voti (62,38%) il senatore della Lega Pasquale Pepe. L’avviso, pubblicato il 26 settembre, scade il 2 ottobre. Tra i requisiti, oltre ad “accettare e sottoscrivere il programma amministrativo della lista Ancora Tolve”, e’ richiesta cittadinanza italiana, iscrizione nelle liste elettorali, residenza nel comune di Tolve da almeno 5 anni, fedina penale pulita. La candidata deve dimostrare di non avere nessun rapporto di parentela fino al terzo grado non solo con il sindaco, ma anche con qualsiasi candidato della lista concorrente e con dipendenti del Comune che abbiano un ruolo dirigenziale soprattutto per quanto riguarda gli appalti, in questo caso fino al secondo grado di parentela. Ancora, non essere coinvolta in controversie contro il Comune, non trovarsi in una posizione di conflitto di interesse rispetto alla propria attivita’ professionale e poi essere in regola con il pagamento delle tasse. Richieste anche “comprovate competenze culturali e tecnico amministrative desumibili dal curriculum vitae”, “impegno quotidiano e flessibilita’ orari”.

Non sarebbe il primo caso in Italia di un avviso per nominare un’assessora. L’ultimo, lo scorso giugno nel Comune di Roma per il VI Municipio. “Ho adottato questa modalita’ – spiega Pepe alla Dire – semplicemente perche’ non ho donne elette nella mia lista e quindi, nel rispetto della legge sulle quote rose, dovro’ rivolgermi all’esterno. Se ci fossero state donne elette le avrei nominate, come faro’ con tutti gli altri membri della giunta, che saranno interni. Nella scorsa legislatura, cinque anni fa – aggiunge – successe la stessa cosa ma non feci un avviso pubblico, chiamai personalmente circa sette persone della comunita’ che non mi diedero la loro disponibilita’”. Nella lista a sostegno di Pepe era presente una sola candidata, non eletta.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»