A Napoli 11enne si lancia dal balcone, si indaga per istigazione al suicidio

L'episodio potrebbe essere legato a qualche scellerata sfida comparsa sui social, le diffuse 'blue whale challenge' nelle quali i ragazzi vengono incoraggiati a realizzare gesti estremi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – A Napoli tragedia nella notte tra lunedi’ 28 settembre e martedi’ 29. Un bambino di 11 anni si e’ lanciato dalla sua abitazione, al decimo piano di un palazzo in zona Chiaia, perdendo inevitabilmente la vita. Ipotesi del suicidio, avvalorata da un messaggio, inviato sul telefono della madre prima di compiere il gesto e nel quale il giovanissimo avrebbe fatto riferimento a uno stato di paura vissuto. Ora la polizia postale indaga per istigazione al suicidio perche’ l’episodio potrebbe essere legato a qualche scellerata sfida comparsa sui social, le diffuse ‘blue whale challenge’ nelle quali i ragazzi vengono incoraggiati a realizzare gesti estremi. “Non ci sono parole in queste circostanze – si legge sul profilo Facebook della scuola calcio dove l’undicenne giocava – che servano a capire perche’ possano succedere tragedie cosi’ innaturali. Conosco Paolo e Giorgia da 14 anni, ho cresciuto i loro figli, non riesco a farmene una ragione, no, non ci sono parole, l’unica cosa a fare e’ cercare di non farle piu’ accadere, e proveremo a farlo nei prossimi giorni quando le cose saranno piu’ chiare. Ciao Gio'”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»