Un’ora a scuola sulle stragi nazifasciste e visite nei luoghi della memoria, la proposta delle ‘Città martiri’

La proposta formale di un'ora di storia del Novecento a scuola, dalla quinta elementare alle superiori, arriverà al ministero entro ottobre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – La memoria delle stragi nazifasciste, tema oggi “solo vagamente accennato”, potrebbe entrare presto nei programmi scolastici. L’iniziativa è partita dalla “città martiri”, Marzabotto, Sant’Anna di Stazzema, Trieste (San Sabba), Fossoli e Reggio Emilia (Fratelli Cervi), che nei mesi scorsi hanno illustrato in una videoconferenza con i responsabili del ministero dell’Istruzione la loro proposta.

LEGGI ANCHE: Monte Sole, 76 anni fa la strage nazifascista più efferata d’Europa. Mattarella: “Lì le radici della nostra Costituzione”

“Abbiamo fatto notare a quelli del ministero che oggi siamo soprattutto noi delle città martiri e dell’Anpi a tramandare la memoria del Novecento e della seconda guerra mondiale”, racconta Valter Cardi, presidente del comitato delle onoranze per i caduti di Marzabotto. Incoraggiati a mettere nero su bianco una proposta più compiuta, “entro ottobre manderemo al ministero il documento per chiedere un’ora di storia del Novecento a scuola, dalla quinta elementare alle superiori. Siamo sufficientemente ottimisti che la proposta possa andare in porto”. Cardi, oggi a Bologna per presentare il calendario delle commemorazioni per il 76esimo anniversario dell’eccidio di Monte Sole, chiarisce che “non ci sarà imposizione” e che la ‘materia’ “rientrerà nelle 36 ore di scuola”.

Inoltre, come ha proposto la stessa sindaco di Marzabotto Valentina Cuppi, “i ragazzi delle quarte e delle quindi superiori dovrebbero visitare almeno un luogo della memoria” nel loro corso di studi. “In questo modo- spiega ancora Cardi- si renderanno conto di quale sia stato il sacrificio per la nostra democrazia e la nostra libertà’”. la prima tappa sarà però la formazione degli insegnanti. Per questo “abbiamo investito molte risorse e ci siamo avvalsi della collaborazione dell’Università di Bologna, in modo che le scuole possano avere una offerta formativa sulla memoria storica del Novecento”.

LEGGI ANCHE: Studiare ‘Bella Ciao’ nelle scuole, la proposta di legge in commissione alla Camera

IL PROGRAMMA DELLA COMMEMORAZIONE UFFICIALE

Si terrà domenica 4 ottobre la commemorazione ufficiale dell’eccido di Monte Sole, alla presenza del cardinale Matteo Zuppi e del ministro per la coesione territoriale Giuseppe Provenzano. L’anniversario numero 76 della strage dovrà fare i conti con le misure anti-Covid: i luoghi delle commemorazioni, a partire dalla piazza, saranno transennati e vigerà l’obbligo della mascherina: senza non si potrà entrare.

A presentare il programma 2020 è il presidente del comitato onoranze per i caduti di Marzabotto Valter Cardi: si tratta di un fitto cartellone, già partito sabato scorso, che prevede numerosi incontri, proiezioni e spettacoli, fino alla camminata nel parco storico di Monte Sole che sarà organizzata dal Cai per domenica 11 ottobre. Invece domenica 4 sarà la volta delle commemorazioni ufficiali, con la messa per i caduti celebrata da Zuppi al mattino, la deposizione di corone al sacrario dei caduti e poi le orazioni ufficiali col ministro Provenzano, il sindaco di Marzabotto Valentina Cuppi e lo stesso Cardi.

Al pomeriggio, invece, è previsto un convegno dal titolo “Oggi come ieri: il fascismo contro la libertà di informazione”, con diversi giornalisti, il presidente della Fnsi Giuseppe Giulietti e Walter Verini della commissione parlamentare antimafia. “E’ un programma molto ricco, speriamo che il tempo ci aiuti. Ringrazio il presidente della Repubblica che in anticipo ha ricordato Marzabotto e il significato della strage”, dice Cardi illustrando i diversi eventi previsti durante la conferenza stampa tenuta oggi in Città metropolitana a Bologna.

Cardi insiste in particolare sulla necessità di coinvolgere i ragazzi: solo nell’ultimo anno se ne sono andate tre testimoni della strage di Marzabotto. “Solo attraverso le giovani generazioni possiamo tramandare la memoria. In Germania neanche il 10% dei giovani conosce queste stragi”. I testimoni diretti, ricorda anche il capo di gabinetto della Città metropolitana Giuseppe De Biasi “danno una traccia di memoria sempre più fievole, ma questo filo non deve interrompersi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»