Migranti, Lotta (Vis): “Anche le regine africane contro la tratta”

Presidente Ong: "Insieme alle 'Queen mother' informiamo sui rischi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non esistono tante categorie di migranti, bensì di problemi. Le cause più tipiche delle migrazioni sono cambiamenti climatici, povertà, guerre, violenze. Ma la storia di ogni singolo migrante non è così facilmente classificabile: la vita è più complicata. Con ‘Stop tratta’, realizzato in collaborazione con Missioni Don Bosco, cerchiamo di affrontare questo fenomeno, per evitare che i giovani cadano in mano ai trafficanti”. Nico Lotta è il presidente di Vis, Volontariato internazionale per lo Sviluppo, ong che dal 1986 sostiene le missioni salesiane nel mondo per promuovere l’educazione e la formazione in contesti difficili e al contempo sensibilizzare su temi di cittadinanza mondiale.

Partendo dal “sistema preventivo” di don Bosco, secondo cui si affronta un’emergenza dalle cause che la generano, attraverso Stop Tratta il Vis agisce nei Paesi di origine, transito e arrivo dei migranti. Da un’analisi preliminare su tre Paesi subsahariani è emerso un significativo divario sul grado di consapevolezza dei giovani sui pericoli che emigrare comporta: otto ghanesi su dieci ad esempio non riterrebbero che la morte sia un rischio nel viaggio verso l’Europa, a fronte del 48 per cento dei senegalesi.

“Queste differenze – spiega Lotta – dipendono dal contesto: se si abita in una zona isolata e disconnessa dalle notizie è più è facile diventare vittime di sfruttamento”. Tuttavia, tiene a sottolineare il presidente del Vis, “alcuni ragazzi scelgono comunque di partire, tanto è drammatica la situazione in cui vivono”.

Gli operatori di Vis realizzano campagne e incontri informativi per fornire ai potenziali migranti tutte le informazioni utili ad assumere una decisione consapevole: “Raccontiamo la verità attraverso radio, giornali, persino il teatro. Facciamo parlare le persone che hanno già subito queste esperienze. Il sostegno delle comunità locali è essenziale, come quello che ci danno in Ghana le ‘Queen mother’, le regine madri, autorità tradizionali molto influenti che hanno aderito al nostro progetto”.

Parallelamente, Vis offre anche attività di formazione professionale e incoraggia micro-imprese per aumentare le opportunità di reddito.

Con il progetto ‘Stop tratta’, attivo in Senegal, Ghana, Etiopia, Eritrea, Mali, Liberia, Gambia e che presto potrebbe estendersi anche a Sierra Leone, Costa d’Avorio, Nigeria e Guinea, si tenta di contenere “un fenomeno complesso, che varia molto da Paese a paese, o all’interno dello stesso”, e di cui l’Europa è coinvolta sono in piccola parte. “In Ghana- dice Lotta- i flussi partono dalla zona montagnosa a nord, che sta diventendo sempre più arida per via dei cambiamenti climatici, verso le città. E non tutti scelgono di raggiungere l’Europa”.

Chi arriva nei centri urbani dalla campagna però “incontra molte difficoltà a inserirsi, dato che ha sempre lavorato come agricoltore o allevatore”. Quindi l’opzione può essere quella di trasferirsi in un’altra regione, o in un Paese vicino, in cui l’acqua è ancora un bene disponibile.

Per chi migra, ribadisce Lotta, essere preda dello sfruttamento è estremamente facile: “In città i giovani accettano lavori molto duri in cambio di paghe basse. Se riescono a racimolare i soldi per il viaggio, vengono sfruttati dai trafficanti varie volte durante il tragitto. Poi c’è la Libia, terreno classico di sfruttamento”. Il pensiero torna al reportage dello scorso anno della ‘Cnn’, che mostrò le immagini di persone tenute in catene pronte per essere vendute come schiave.

“Chi riesce ad attraversare il mare e raggiungere l’Italia può finire in strutture in cui diventa occasione di arricchimento per qualcun altro” dice Lotta: “Pensiamo a ‘Mafia capitale'”. Secondo il presidente di Vis, poi, esiste un altro rischio: “C’è lo sfruttamento di chi descrive queste persone come nemici o minacce, ottenendo un vantaggio politico”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»