Ema a Milano, Lorenzin: “Siamo in pole position”

Milano è tra le prime 5 città candidate ad ospitare l'Agenzia europea del farmaco, che traslocherà da Londra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La buona notizia è che siamo in pole position” per la sede Ema a Milano. Lo annuncia la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, al convegno ‘Crescita vs crisi’, riferendosi all’agenzia europea del farmaco che traslochera’ da Londra “Si è riunita la prima assemblea che ha dato una valutazione tecnica: Milano è tra le prime 5 città candidate e ha una possibilità in più rispetto alle altre perché abbiamo già un edificio pronto che diamo gratuitamente che è il Pirellone Gio Ponti“.

“GRANDE PROVA PER L’ITALIA, DOBBIAMO VEDERCELA CON AMSTERDAM E COPENHAGEN”

Lorenzin ricorda che “la competizione sarà molto dura con Amsterdam e Copenhagen e sarà una grossa prova per l’Italia. Già che siamo tutti insieme a combatterla è inusuale e segno del cambiamento dei tempi che stiamo vivendo”.

“PERCHE’ NON ROMA? HA GIA’ RINUNCIATO ALLE OLIMPIADI”

Lorenzin racconta: “Mi chiedono come mai la sede Ema a Milano e non a Roma. Beh- sorride la ministra- Roma ha già rinunciato alle Olimpiadi e io questa sfida voglio vincerla”. Milano, ricorda infine, “aveva le carte in regola e soprattutto c’è stato un asse Regione-comune che hanno detto ‘la vogliamo’”.

di Luca Monticelli, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»