Tangenti a Governi africani: multa da 400 mln dollari a hedge fund Usa

Le tangenti arrivavano a funzionari governativi di alto livello in Libia, Ciad, Niger, Guinea e Congo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

usa_hedge-fund

ROMA – Tangenti a “funzionari governativi di alto livello” in Libia, Ciad, Niger, Guinea e Repubblica democratica del Congo: l’accusa costerà una multa da 400 milioni di dollari a un hedge fund statunitense in prima fila nei mercati subsahariani delle materie prime. A comminare la sanzione è stata la Securities and Exchange Commission (Sec), l’ente preposto alla vigilanza della borsa valori americana.

Secondo Andrew Ceresney, direttore della sezione “enforcement” dell’organismo, “Och-Ziff ha condotto manovre articolate e spregiudicate per garantirsi con la corruzione contratti e profitti di rilievo”. Secondo gli inquirenti, tra gli illeciti figurerebbe il pagamento di tangenti per “spingere l’Ente libico per gli investimenti a destinare risorse in fondi gestiti da Och-Ziff”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»