NEWS:

Scuola, il 7 ottobre al via l’autunno caldo: studenti in contro la Buona scuola

La mobilitazione proseguirà per tutto l'autunno. E non riguarda solo la scuola: gli studenti dicono 'no' anche al referendum costituzionale

Pubblicato:30-09-2016 14:10
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 09:07

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

buona_scuola_studenti_7-ottobre-3ROMA – “Alziamo la testa”, per rivendicare diritti e democrazia. Con questo slogan la Rete della Conoscenza, che riunisce gli studenti di Udu e Link-Coordinamento Universitario, ha lanciato oggi in tutta Italia la giornata di protesta del 7 ottobre a un anno dell’approvazione della legge 107. “Da Nord a Sud, si sono organizzate iniziative politiche dentro e fuori le nostre scuole“, dichiara Francesca Picci, coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti, che aggiunge: “La mattinata ha visto il moltiplicarsi di azioni sul diritto allo studio, di banchetti informativi, fotopetizioni e striscioni calati dalle scuole o da luoghi simbolici delle città. Oggi pomeriggio, invece, ci saranno assemblee pubbliche, che verranno accompagnate da eventi musicali, teatrali e culturali in generale”. Obiettivo della giornata la stesura di “piattaforme rivendicative territoriali e relative alla singola scuola”, per coinvolgere gli studenti nella costruzione di percorsi formativi diversi da quelli pensati dal governo Renzi con la ‘buona scuola’.

La mobilitazione, iniziata lo scorso 15 settembre con un volantinaggio di promozione della campagna ‘Stiamo diritti’, proseguirà per tutto l’autunno. Un nuovo protagonismo, con cui gli studenti si oppongono ai progetti di riforma della scuola, ma anche alla modifica della Costituzione, con cui il governo Renzi “punta ad un accentramento del potere”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy