Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I due Van Gogh trafugati ad Amsterdam in mano alla camorra. Li trova la Finanza /VD

Sequestro milionario, quadri di inestimabile lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gdf-3

ROMA – Il Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, nell’ambito di indagini condotte dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, ha eseguito un sequestro patrimoniale per diverse decine di milioni di euro nei confronti di un’associazione camorristica dedita al traffico internazionale di cocaina. Tra i beni sottoposti a sequestro anche due dipinti di inestimabile valore che erano stati trafugati nel 2002 da un museo di fama mondiale, due Van Gogh.


FRANCESCHINI: RECUPERO 2 VAN GOGH E’ STRAORDINARIO

“Un recupero straordinario che conferma la forza del sistema Italia nella lotta al traffico illecito delle opere d’arte”. Così il ministro dei Beni e delle attività Culturali e del turismo, Dario Franceschini commenta il ritrovamento di due dipinti di Van Gogh da parte della Procura di Napoli e del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza. “L’esito di questa indagine conferma quanto le organizzazioni criminali siano interessate alle opere d’arte che vengono utilizzate sia come forma di investimento che come fonte di finanziamento. Quella di oggi- conclude il ministro- è un giornata molto importante, frutto di un positivo lavoro di squadra tra la procura di Napoli e la Guardia di Finanza a cui vanno i miei complimenti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»