Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zambia, il neo-presidente licenzia i capi delle forze di sicurezza

zambia presidente hichilema
Hakainde Hichilema è intervenuto dopo che le forze di sicurezza sono state accusate più volte di arresti e incarcerazioni arbitrari e violenze contro i cittadini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(Foto dal profilo Twitter di Hakainde Hichilema)

ROMA – Tra i primi provvedimenti adottati dal neoeletto presidente dello Zambia, Hakainde Hichilema, c’è il licenziamento dei vertici delle Forze armate e della polizia assieme ai loro vice. Hichilema lo ha annunciato ieri rendendo noti anche i nomi dei nuovi responsabili che andranno a ricoprire tali incarichi, in un discorso nel quale ha motivato i provvedimenti con la necessità di incoraggiare le forze di sicurezza al rispetto della legge e dei diritti dei cittadini: “L’interesse delle persone deve essere al centro di chi serve il Paese, mentre al tempo stesso garantisce il rispetto dei diritti umani e delle libertà”.

Il presidente ha inoltre ribadito che “nessuno dovrebbe essere arrestato prima della conclusione delle indagini“. Hichilema, che ha prestato giuramento solo la settimana scorsa, ha rimosso anche l’ispettore generale della polizia assieme ai comandanti responsabili dei commissariati regionali. In Zambia le forze di sicurezza sono state accusate più volte di arresti e incarcerazioni arbitrari, nonché di violenze a danno dei cittadini. Lo stesso Hichilema è stato arrestato diverse volte nel corso della sua attività politica all’opposizione.

Lo scorso 12 agosto il leader dello United Party for National Development (Undp) dopo cinque tentativi nelle tornate degli ultimi anni, ha vinto le elezioni ottenendo il 60% delle preferenze, e battendo così il capo di Stato uscente Edgar Lungu. Quest’ultimo è stato molto criticato perché, durante la campagna elettorale, ha dispiegato le forze armate nel Paese per contenere le manifestazioni dell’opposizione e i comizi, dopo che nel corso di un corteo un uomo aveva perso la vita negli scontri tra protestanti e polizia. Di recente, lo Zambia ha anche approvato una legge secondo cui gli ergastolani più meritevoli saranno liberi di visitare le famiglie per 14 giorni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»