Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La voce della mamma riduce il dolore nei bimbi prematuri

Neonato bebè parto partotire nascita mamma madre
La ricerca di un gruppo di studiosi dell'Università della Valle d'Aosta ha mostrato che quando i neonati devono sottoporsi a procedure dolorose la voce materna riduce la sofferenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – La voce materna riduce i segnali del dolore nei bambini prematuri quando devono sottoporsi a procedure dolorose. Questo è quanto emerge dalla ricerca condotta da un gruppo di studiosi dell’Università della Valle d’Aosta, composto da Manuela Filippa e Mariagrazia Monaci, in collaborazione con il professor Didier Grandjean dell’Università di Ginevra e dell’Azienda Usl Valle d’Aosta.

Il gruppo di lavoro ha osservato gli effetti di un precoce contatto con la voce materna su 20 bambini prematuri all’ospdedale Beauregard di Aosta. Alle loro madri è stato richiesto di essere presenti durante il quotidiano prelievo del sangue, che viene eseguito estraendo alcune gocce di sangue dal tallone. Il momento dell’esame è stato videoregistrato e le espressioni facciali del bambino sono state codificate da osservatori “ciechi” alla condizione in cui era stato effettuato.

Sono stati anche misurati alcuni indicatori fisiologici del bambino, quali il battito cardiaco, l’ossigenazione e, tramite un prelievo di saliva prima e dopo l’esame del sangue, i livelli di ossitocina, l’ormone coinvolto nel legame di attaccamento e legato alla modulazione del dolore. La raccolta dati in ospedale è stata possibile grazie all’importante collaborazione di Carmen Spagnuolo e tutto lo staff infermieristico, di Paolo Serravalle e Roberta Daniele. I risultati derivanti dalla loro analisi evidenziano una netta diminuzione delle espressioni facciali di sofferenza e un aumento dei livelli di ossitocina nel sangue dei bambini, quando le madri parlano loro durante il prelievo.

“Si trova un effetto maggiore quando la madre parla al suo bambino e non quando canta, e ciò può essere spiegato col fatto che parlando la madre adatta maggiormente l’intonazione della voce a quello che percepisce nel suo bambino mentre quando canta è limitata in misura maggiore dalla struttura della melodia”, affermano i ricercatori in una nota. L‘idea è di ampliare la ricerca, prendendo in considerazione anche la voce dei padri.

Intanto i primi risultati dello studio valdostano ed elvetico sono già stati riportati in un articolo pubblicato il 27 agosto sulla rivista Scientific Reports, che si è già guadagnato l’attenzione di numerosi media internazionali tra cui The Guardian, il Times, il Daily Mail, Forbes, Le Matin, l’Irish Examiner e Usa News Wall, oltre a un passaggio su BBC news. “Una risonanza incoraggiante – commenta Mariagrazia Monaci – che sottolinea il valore della collaborazione fra gli enti di ricerca presenti sul nostro territorio e ci sprona a continuare ad indagare sull’importanza della presenza dei genitori nel delicato contesto delle cure intensive“. Aggiunge: “Oltre ad esercitare un ruolo protettivo, il loro coinvolgimento nell’aiutare i loro bambini può aiutare a rinforzare il legame di attaccamento essenziale per lo sviluppo infantile che è dato per scontato coi bambini nati a termine ma può essere compromesso dalla condizione di separazione in cui i bambini prematuri affrontano i primi giorni di vita”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»