Le parole di Di Maio scatenano la rabbia del Pd: “Ultimatum inaccettabili”

Immediata risposta dei dem alla conferenza stampa di Luigi Di Maio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Luigi Di Maio fa infuriare il Pd. Nella conferenza stampa dopo l’incontro con il premier Conte, infatti, il leader pentastellato ha dato un ultimatum ai dem: “O convergono sul nostro programma o si vota”.

Immediata la reazione dei dem, affidata ad un tweet del vicesegretario Andrea Orlando: “Incomprensibile la conferenza stampa di Luigi Di Maio. Ha cambiato idea? Lo dica con chiarezza. Dire o si accetta il nostro programma o voto è prima di tutto una delegittimazione del presidente incaricato a cui compete adesso stilare il programma“.

“I democratici- scrive invece graziano Delrio- sono impegnati a sostenere lealmente lo sforzo del presidente Conte. Questo sforzo da solo ha già fatto recuperare fiducia nell’Italia. Gli ultimatum di Di Maio al presidente incaricato sono davvero inaccettabili”.

Attacca anche Matteo Orfini, che non digerisce le parole sul decreto sicurezza: “Secondo Luigi Di Maio non bisogna rivedere la ratio dei decreti Sicurezza. Secondo me vanno abrogati. Voglio sperare sia anche la linea del Pd. Sono certo che ne parleremo”.

DE MICHELI: CON PAROLE DI MAIO SI TORNA AL VIA, GIOCO DELL’OCA

“Oggi abbiamo incontrato il presidente incaricato e durante l’incontro il segretario Zingaretti ha illustrato gli aspetti per noi più importanti per un futuro e duraturo programma di governo, e su quello ci dobbiamo concentrare. Il fatto che Di Maio successivamente abbia fatto la conferenza stampa che ha fatto è oggettivamente incomprensibile: sembra il gioco dell’oca, si torna indietro a prima dell’inizio dei nostri confronti”. Lo ha detto la vicesegretaria del Pd, Paola De Micheli, parlando al Tg2.

“Temo che Di Maio non abbia letto i documenti che abbiamo scritto insieme ai caopigruppo del M5S- ha sottolineato De Micheli- Di fronte a questa incomprensione di Di Maio di quanto sia avanzato questo lavoro sulle linee del programma ci chiediamo se prima o poi emergerà la verità, cioè che il problema è tutto interno ai Cinque Stelle”.

Secondo la vicesegretaria dem, è possibile che Di Maio stia cercando di alzare la posta per fare il vicepremier? “In questa fase non ci credo alla tattica, si deve parlare dei problemi degli italiani. Il governo si può fare e Conte terrà conto di tutte le posizioni, i tempi della tattica mi sembrano abbondantemente esauriti qualche giorno fa. Per questo è incomprensibile dire oggi ‘o si fa così o non si fa il governo'”, ha concluso De Micheli.

M5S: NON CAPIAMO STUPORE, DI MAIO HA RIBADITO IMPORTANZA TEMI

“Luigi Di Maio ancora una volta ha ribadito che per il Movimento 5 Stelle i temi sono al centro di qualsiasi azione politica. Non comprendiamo lo stupore di alcuni. Per noi conta il programma, contano le soluzioni ai problemi degli italiani, non le poltrone. E ci auguriamo che sia così per tutti”. Così il M5S in una nota.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»