Voleva mandarli a lavorare in Russia, ora chiede loro recapiti per aiutarli e nessuno glieli dà

Succede a Sassuolo, nel modenese, dove il sindaco un mese fa aveva suggerito ai lavoratori di spostarsi in Russia per non perdere il lavoro dell'azienda in crisi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Per non far perdere loro un lavoro aveva ‘suggerito’ che da Sassuolo si trasferissero in Russia. E ora che vorrebbe fornire i loro nominativi a chi sarebbe disposto ad assumere, nessuno gli rivela i recapiti degli operai. Succede al sindaco leghista di Sassuolo, in provincia di Modena, Francesco Menani. Che dice di essere deciso a non desistere.

E’ l’ultimo capitolo di una crisi aziendale scoppiata questa estate. La storia è questa. La sede modenese di un importante gruppo metalmeccanico chiude i battenti? “Gli operai vadano a lavorare in Russia“. Il suggerimento, dal sapore ‘ancien regime’, era appunto del sindaco Menani, eletto a maggio scorso, e a fine luglio ha fatto saltare sulla sedia i sindacati e sollevato un polverone di polemiche. I 54 lavoratori della Martinelli Ettore, per fortuna, non dovranno andare a Mosca (dove si trova l’ultimo stabilimento attivo del gruppo) per sbarcare il lunario, visto che proprio ieri al ministero del Lavoro è stato raggiunto l’accordo che sblocca la cassa integrazione straordinaria per un anno, nel corso del quale si spera di poter trovare un acquirente per l’azienda e ricollocare parte dei dipendenti.

Polemica chiusa? Macchè. Il botta e risposta tra la Fiom e il primo cittadino (che nei giorni scorsi rivendicava sui social la “cacciata” dei mendicanti dal centro della città delle piastrelle e partecipa con la polizia locale a pattugliamenti notturni) è andato avanti. E Menani, che al tavolo della trattativa sindacale aveva avanzato l’ipotesi del trasferimento degli operai all’ombra del Cremlino (“era un’idea, una possibilità in mezzo a tante altre”, assicurò), oggi si lamenta perché, pur avendone fatto formale richiesta, nessuno dei lavoratori gli ha fatto avere i suoi recapiti perché possa, come si è impegnato a fare, segnalare alcuni nomi a imprenditori interessati ad assumere.

“Dopo aver ottenuto l’elenco dei lavoratori ancora dipendenti dell’azienda, ho chiesto i recapiti perchè alcune altre aziende si sono dichiarate disponibili ad assumerli: nessuno me li ha forniti. Mi chiedo se la questione sia risolvere il problema o ‘chi’ lo risolve. Siccome conosco personalmente alcuni di loro, a breve otterrò comunque i recapiti e continuerò a farmi da tramite con le aziende del territorio”, prometteva Menani. La Fiom, tuttavia, non gli ha perdonato l’uscita sulla Russia.

“Ci auguriamo che il sindaco sappia gestire i problemi della cittadinanza, meglio di quanto abbia fatto sul tavolo sindacale. L’accordo di oggi è la riprova che si possono trovare soluzioni senza dover fare 2.500 chilometri per andare a lavorare in Russia, come proposto dal sindaco di Sassuolo”, l’uno-due del sindacato dopo l’annuncio dell’accordo per la cigs. “Sono state dette molte falsità su di me, ma non mi preoccupo: io ho ben chiaro l’obiettivo finale da perseguire e continuerò a farlo”, ha ribattuto Menani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»