Roma, Lucha y Siesta: “Mailbombing contro lo sgombero del centro antiviolenza”

Parte la mobilitazione per difendere il centro antiviolenza minacciato di sgombero da Comune e Atac: ecco il testo e gli indirizzi per il mailbombing
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Chiediamo di attivarvi da questo momento fino alla mezzanotte di stasera 30 agosto con una e-mail da inviare alle istituzioni. E per arrivare anche sui social, fate una foto allo schermo del computer con la mail e postatela su fb, instagram e twitter taggando il Comune di Roma e la Regione Lazio. Facciamo sentire la nostra voce ovunque”. E’ l’appello lanciato da Lucha Y Siesta per fermare lo sfratto deciso dal Comune, Atac e Tribunale ed evitare quindi la chiusura della Casa Rifugio per le donne vittime di violenza.

LEGGI ANCHE: Roma, Lucha y Siesta: “Comune e Atac vogliono lo sgombero immediato”

La lettera continua: “Spedite una mail indicando in oggetto ‘Casa delle donne via Lucio Sestio 10’ agli indirizzi indicati qui sotto: [email protected] (Sindaca di Roma); [email protected] (Capo Gabinetto della Sindaca); [email protected] (Presidente Regione Lazio); [email protected] (Assessore Politiche abitative, Urbanistica, Ciclo dei Rifiuti e impianti di trattamento, smaltimento e recupero).

Nell’appello segue il testo da riportare nella mail indicando il proprio nome e cognome: “Gentili rappresentanti delle Istituzioni, vista la carenza e il sovraccarico nel sistema dell’accoglienza dedicata alle donne che escono da situazioni di violenza e vista l’importanza della presenza sul territorio di presidi sociali e culturali contro la violenza di genere reputo inammissibile la minaccia di chiusura della Casa delle donne Lucha y Siesta, un’esperienza indispensabile per la città di Roma. Pertanto chiedo un immediato intervento che blocchi la procedura di sgombero e di distacco delle utenze per l’immobile di Via Lucio Sestio 10. È importante continuare a sostenere tutte le donne che si trovano in difficoltà. Non ci deludete e dateci risposte!”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»