Governo, Gandolfini (Family Day): “Nuovo esecutivo pericoloso per la famiglia”

"Quelli che sono spacciati come diritti acquisiti in tutti i Paesi occidentali, non sono altro che derive ultra liberiste"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo la mediazione di Spadafora e le ‘linee di convergenza’ sui temi etici indicate dalla Cirinnà, nasce il governo più potenzialmente pericolo per la difesa della vita, della famiglia e della libertà educativa. La madrina delle unioni civili ha parlato di un lavoro su eutanasia, liberalizzazione delle droghe, omogenitorialità (leggasi regolamentazione utero in affitto e eterologa per tutti) e la liberticida legge sull’omofobia che mira a mettere il bavaglio a chi dice che i bambini hanno diritto ad un padre e una madre”, dichiara il leader del Family day, Massimo Gandolfini.

“Un esecutivo di minoranza in termini di rappresentanza del sentire del Paese non si azzardi a toccare temi fondamentali per il tessuto sociale e antropologico dell’Italia. Politici e partiti bocciati in tutte le recenti tornate elettorali non possono decidere momenti fondamentali della vita di ogni essere umano, come l’inizio e il fine vita, né tanto meno sono autorizzati a fare esperimenti sociali sulla pelle dei giovani ai quali sono proposte facili vie per lo sballo”, prosegue Gandolfini.

“Quelli che sono spacciati come diritti acquisiti in tutti i Paesi occidentali, non sono altro che derive ultra liberiste che, nelle pochissime nazioni in cui sono state applicate, hanno sfilacciato la coesione sociale e colpito i diritti dei più deboli: malati, disabili, bambini intenzionalmente concepiti orfani di uno dei due genitori e adolescenti fragili a rischio dipendenze. Società di singoli individui in cui la disperazione si combatte trasformando ogni desiderio in diritto”, ha detto ancora.

“L’Italia ha bisogno di altro. L’Italia deve rilanciare la famiglia riconoscendole il valore e le prerogative che le attribuisce la costituzione, cioè come primo copro intermedio e insostituibile luogo di accoglienza, accudimento e di crescita umana- ha concluso Gandolifini- Il Family Day chiama a raccolta tutte le forze cristiane e laiche che si oppongono a questa politica di distruzione della vita e della famiglia. Oggi c’è bisogno di essere più uniti che mai superando malintesi e strategie di parte”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»