Pd, Zingaretti: “Basta divisioni, sbrighiamoci a voltare pagina”

"Serve un congresso che punti ad avere una sinistra utile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono convinto che c’è spazio per la sinistra in Italia, ma soffro come un cane perché oggi vedo una sinistra troppo divisa, litigiosa, piegata su se stessa e troppo spesso contrapposta a se stessa o ad altri pezzi della sinistra. Questo prezzo lo abbiamo pagato, la sinistra litigiosa non è stata percepita come utile alla condizione di vita delle persone e quindi il Paese non ha guardato a noi come la soluzione alla sua condizione materiale di studente, di pensionato, di impiegato o di imprenditore”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, intervenendo a la Festa de l’Unita a Ravenna. “Dentro questo vuoto è nata la catastrofe che stiamo vivendo- ha spiegato Zingaretti- Quindi la sinistra c’è, ma non è stata percepita come utile. Ora la riscossa deve partire da un’altra certezza: ce n’è immenso bisogno e questi primi mesi governo lo confermano”.
Come ha detto Veltroni, dobbiamo sbrigarci a rimetterci in moto e a voltare pagina, imparando a discutere senza litigare. Dobbiamo ricollocare politicamente la sinistra”, ha aggiunto. “Io sono del Pd, ma nel Lazio ho vinto perché ho capito che non è vero che chi non è del Pd è un avversario, si può essere alleati e vincere”, ha spiegato Zingaretti, secondo il quale “i movimenti riformisti sono stati forti nel dopoguerra perché c’era una cultura della politica organizzata nella società. Oggi si è persa questa capacità di stare dentro la società moderna. Siamo stati pigri nel non scommettere in un grande movimento popolare unitario”.

“SERVE CONGRESSO CHE PUNTI AD AVERE SINISTRA UTILE”

Serve un congresso che punti ad avere una sinistra utile, che aiuta a crescere il Paese, aprendo una stagione unitaria in tutte le regioni d’Italia. Noi dobbiamo stare dentro gli angoli del Paese unitariamente, sia nelle piazze che sul web”. “Non possiamo solo arrabbiarci- ha continuato Zingaretti- Nella nuova forma di partito da costruire dobbiamo mettere sullo stesso piano la capacità di essere nelle strade ma anche nella rete. Se Di Maio fa 3 milioni di visualizzazioni con un video di fake news, noi dobbiamo costruire dopo un’ora un video che lo denuncia e ottiene 5 milioni di visualizzazioni. Dobbiamo alzare l’asticella”.

“VOGLIO DARE UNA MANO PER TORNARE A VINCERE”

“Cosa voglio fare io? Non parlo di modelli, ma vorrei dare una mano per portare un movimento politico culturale a ragionare su come cambiare per tornare a vincere. Non dobbiamo avere paura di rimetterci in cammino nella ricerca del capire come essere efficaci nella critica a quanto sta avvenendo. Cambiare vuol dire che dobbiamo capire anche perché in dodici anni abbiamo dimezzato i nostri voti”. “Se vogliamo dirci che la gente non ci capisce facciamolo, ma non puo’ essere solo questo, e neanche possiamo attendere che loro governino male, perché poi alzeranno l’asticella per portare a una deriva autoritaria dell’Italia”. Secondo Zingaretti, tra i problemi della sinistra, c’è quello di “aver creduto che la scomparsa delle classi sociali portasse con sé anche la scomparsa del rischio dell’oppressione tra chi produce e chi detiene il capitale. Ma il riformismo è la difesa dei diritti individuali delle persone. È questa assenza che ci rende nudi di fronte alle follie di Grillo”.

“NUOVA SINISTRA TENGA INSIEME CRESCITA ED EQUITA'”

“Il primo punto della nuova sinistra dev’essere quello di tenere insieme la crescita e l’equità, lo sviluppo e la redistribuzione”.  “Ieri a Milano è stata una bellissima giornata di rivolta popolare contro la destra. Sono segnali che parlano a noi e ci dicono ‘coraggio’. Noi dobbiamo distruggere la follia della retorica del sovranismo. Alle elezioni europee combatterò per una Europa democratica e a Salvini dico che non cedo gli euro per prendere i rubli”.

“GOVERNO E’ CONTRO I GIOVANI, SINISTRA LO DENUNCI”

“Dobbiamo denunciare forte: le principali vittime di questo governo sono i giovani italiani. Questo è un governo contro i giovani, che uccide il futuro dei giovani”.  “Perché ci fossilizziamo sui 100 immigrati della nave Diciotti e non diciamo nulla sui giovani che scappano dall’Italia?- si è chiesto Zingaretti- Dobbiamo schierarci contro le paure dei cittadini, dando risposte. La sinistra deve svegliarsi”.

“PETIZIONE PER ELEZIONE PRESIDENTE STATI UNITI EUROPA”

“A pochi mesi dalle elezioni europee dovremmo lanciare, con i partiti del socialismo europeo, una grande petizione raccogliendo 100 milioni di firme per l’elezione del presidente degli Stati Uniti d’Europa”. “Molto prima di quanto immaginavamo è ritornato il tempo delle battaglia politiche- ha aggiunto Zingaretti- Allora forza, uniamoci tutti in un grande movimento per sconfiggere chi vuole distruggerci”.

“GOVERNO TOTALMENTE INCAPACE AFFRONTARE PROBLEMI”

“Siamo governati da un mix di pulsioni che hanno il comune denominatore di stare insieme contro qualcuno. Questo governo è totalmente incapace di affrontare i problemi degli italiani. Anzi, chi governa si nutre di questi problemi”. “Le ultime notizie sono allarmanti: il Pil diminuisce, lo spread aumenta, i capitali vanno all’estero e la fiducia degli imprenditori è in calo- ha aggiunto Zingaretti- Siamo in una spirale e più loro non risolveranno i problemi, più cercheranno capri espiatori”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»