In Sudafrica tre nonne si fanno maestre per salvare la lingua Niuu

Ci sono 20 bambini che la stanno imparando e poi, a loro volta, potranno insegnarla ad altri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Katrina Esau ha 84 anni e con le sue due sorelle ha deciso di diventare maestra per salvare da morte certa la loro lingua nativa, il Niuu (o ‘N|uu’, se si rispetta la trascrizione fonetica ufficiale): le tre donne sono infatti le ultime parlanti al mondo. Il Niuu è una lingua molto particolare: è composta da 112 suoni diversi, e da 45 ‘click’, ossia quelle consonanti prodotte schioccando la lingua contro il palato o i denti.

Le ‘lingue click’ sono una sottofamiglia molto estesa e variegata di quella africana. I bambini che hanno deciso di aderire – una ventina in tutto – ripetono con impegno i suoni di un idioma che sembra riportare indietro nel tempo e nella storia. All’emittente britannica ‘Bbc’, Katrina ha spiegato di aver intrapreso questo progetto assieme alle sorelle perché “amiamo tanto la nostra lingua e non vogliamo che muoia con noi. Dobbiamo salvarla dall’estinzione, insegnandola ai bambini. Quando moriremo – ha concluso l’anziana insegnante, che sfoggia orgogliosa il copricapo tradizionale – questi bambini potranno parlarla ed insegnarla ad altri”.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

(La foto è tratta dall’articolo sul sito della Bbc)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»