Aggredirono ragazzo con t-shirt del Cinema America, obbligo di firma per due

Uno dei due è conosciuto per la sua militanza in movimenti della destra extraparlamentare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Foto di Andrea Littera

ROMA  – Stamattina gli agenti della Polizia di Stato della Digos, dopo una complessa attività investigativa coordinata dal Sostituto Procuratore dott. Eugenio Albamonte, stanno dando esecuzione, su disposizione del Gip Anna Maria Fattori, alla misura cautelare dell’obbligo di firma con divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, nei confronti di Daniele Castellani, conosciuto per la sua militanza in movimenti della destra extraparlamentare, indagato, in concorso con altra persona, per i reati di rapina aggravata e lesioni personali aggravate.

Il provvedimento è scaturito dall’attività investigativa successiva all’aggressione perpetrata il 18 giugno in danno di un giovane romano studente del liceo Cavour, picchiato perché indossava una t-shirt del cinema America, ritrovo di militanti della sinistra capitolina.

Gli aggressori, dopo averlo più volte colpito anche con un oggetto contundente, si facevano consegnare la maglietta insultandolo per i suoi ideali politici. Le indagini, supportate dai filmati ripresi dai sistemi di video sorveglianza, hanno consentito di individuare le responsabilità di due persone, entrambe note alla Digos per il loro legame con gli ambienti della destra extraparlamentare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»