Neonato in pericolo di vita, l’Aeronautica lo porta da Cagliari a Milano

Il piccolo, di appena un giorno, è stato trasportato al Policlinico San Donato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un neonato di appena un giorno, in imminente pericolo di vita, è stato trasportato d’urgenza durante la scorsa notte da Cagliari a Milano con un aereo Falcon 900 del 31esimo Stormo dell’Aeronautica Militare.

Il piccolo paziente, all’interno di una culla termica, è stato trasferito nel capoluogo lombardo per essere ricoverato al Policlinico San Donato.

La richiesta di trasporto, come accade in questi casi, è pervenuta dalla Prefettura di Cagliari alla sala Situazioni di vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti quello di organizzare e gestire questo genere di trasporti su tutto il territorio nazionale in coordinamento, appunto, con le Prefetture.

La sala situazioni di vertice ha quindi attivato un Falcon 900, uno degli assetti che la Forza armata tieni pronti 24 ore su 24 per questo genere di necessità.

Verso le 22 il velivolo è decollato dall’aeroporto di Ciampino, sede del 31esimo Stormo, in direzione dell’aeroporto di Cagliari, dove è stata imbarcata la culla termica con il piccolo paziente, accompagnato dal padre, da uno zio e da un’equipe medica per l’assistenza durante il volo.

Ripartito dalla città sarda, poco dopo l’una l’aereo è atterrato nell’aeroporto di Milano Linate, da dove il bambino è stato trasportato in ambulanza al Policlinico San Donato.

Missioni di questo tipo necessitano della massima tempestività. Attraverso i suoi reparti di volo, l’Aeronautica militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento e in grado di operare in qualsiasi condizione meteorologica. Sono migliaia ogni anno le ore di volo effettuate dai velivoli del 31esimo Stormo di Ciampino, del 14esimo Stormo di Pratica di Mare e dalla 46a Brigata aerea di Pisa, assetti sempre in prima linea in caso di emergenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»