Pezzopane e il selfie del fidanzato tra le macerie: “Era lì per aiutare”

La senatrice si difende dalle polemiche scatenate da una foto scattata la mattina del terremoto. Il suo fidanzato "ha salvato vite". Non era una passerella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

simone coccia colaiutaROMA – “Ho capito che l’attacco mediatico è stato nei miei confronti. Hanno usato per l’ennesima volta Simone per mettermi in difficoltà, ma anche stavolta non ci sono riusciti”. A dirlo è Stefania Pezzopane, senatrice del Partito democratico, intervenuta su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’università degli studi Niccolò Cusano.

Pezzopane è stata suo malgrado protagonista, non solo sul web, per una foto che il suo compagno, Simone, si è scattato ad Amatrice, tra le macerie, immediatamente dopo il terremoto.

“Quella notte all’Aquila- ha raccontato Pezzopane- era una notte di festa, a casa eravamo soli, stavamo dormendo, ci siamo ovviamente svegliati di soprassalto. Simone subito dopo il terremoto, che qui all’Aquila si è sentito molto forte, dopo essersi assicurato che la madre e il figlio stessero bene, ha sentito il bisogno di partire per Amatrice e di andare ad aiutare i soccorritori. Io mi sono subito messa in rete, cercando di contattare i miei colleghi e alcune istituzioni. Simone e un suo amico alle 4.30 erano già lì. Io ero preoccupatissima, lui mi ha mandato delle foto per farmi capire quello che stava accadendo. Non si è accorto nemmeno che io avessi pubblicato la foto incriminata. Era un selfie, non è che si è messo in posa. Si è fatto una foto davanti a una palazzina interamente crollata per farmi capire com’era la situazione e per avvertirmi che comunque si stava già lavorando per i soccorsi. All’inizio infatti non è accaduto nulla, poi è intervenuta la rete. I ‘webeti’, hanno tolto il contenuto del mio post e postato solamente la foto di Simone scrivendo che il fidanzato della Pezzopane era andato a farsi un selfie davanti alle macerie”.

“Simone stava salvando persone ignaro di tutto quello che stava succedendo- ha continuato Pezzopane- Ha salvato quattro vite. Stava lì a farsi il culo, a salvare la gente, a scavare a mani nude, si è ritrovato in mezzo agli insulti perché in qualche modo bisognava colpire la senatrice Pezzopane, visto che siamo una coppia mediatica molto forte e visto che politicamente non trovano ragioni per attaccarmi. Hanno iniziato tutti a scatenarsi contro Simone senza sapere davvero che cosa fosse accaduto. Per fortuna, dopo, tanti ci hanno chiesto scusa. Poi sono uscite anche foto della verità, che mostravano Simone intento a salvare persone, a scavare tra le macerie. Rimane il fatto che Simone voleva manifestare concretamente solidarietà davanti a una tragedia, per lui e per me si è trasformata in incubo. E’ stato vergognoso dover discutere di queste cose mentre si contavano i morti”. La foto di Simone “è stata decontestualizzata- ha quindi concluso la senatrice del Pd- Lo hanno fatto passare per un idiota che è andato lì a farsi un selfie e invece non è andata così. Lui ha scavato a mani nude, anche perché ha una notevole forza fisica. In tanti lo hanno ringraziato poi, dicendogli che sembrava una macina. Lui ha lavorato per dieci ore ininterrottamente, senza mangiare e fare un attimo di pausa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»