Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mamma Giada Giunti: “Dal 2 agosto giorno e notte sotto Montecitorio”

mamma giunti
Giada Giunti non vede suo figlio da due anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giorno e notte a Roma sotto Montecitorio, dal 2 agosto di nuovo in protesta. Ancora una battuta d’arresto per la mamma coraggio Giada Giunti, con l’ennesimo mancato accoglimento nel suo procedimento giudiziario. E allora dopo proteste, sit-in, scioperi della fame e undici rigetti, Giada, la mamma che dopo la sentenza del luglio 2019 da due anni non vede suo figlio, non si arrende e tornerà sotto Montecitorio a chiedere giustizia, rivendicando il diritto di poter rivedere suo figlio.

LEGGI ANCHE: Avvocato mamma Giunti a Draghi: “Urge dl contro gli allontanamenti dei minori”

Giunti settimane fa insieme alle altre mamme ‘vittime di violenza istituzionale’ con un cartello addosso ‘Mi avete strappato il cuore, non è vita senza mio figlio’ ringraziava il prefetto per aver firmato il protocollo Zeus ‘finalizzato a implementare la capacità di contenimento e gestione delle violenze relazionali e dei rischi di vittimizzazione’. Un piccolo traguardo, una sorta di cartellino giallo che avverte il soggetto maltrattante che ciò che sta accadendo non è accettabile offrendogli un trattamento da parte di una equipe di professionisti nel curare persone con problemi relazionali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»