Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Tokyo aumenta l’entusiasmo per i Giochi (dopo la tiepida accoglienza)

tokyo 2020
File per acquistare gadget delle Olimpiadi e scattare selfie con i cinque cerchi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – A una settimana dalla Cerimonia di apertura, cresce gradualmente l’interesse dei giapponesi per i Giochi. Se Tokyo, a eccezione degli impianti, continua ad avere pochi dei tratti caratteristici di una città olimpica per colpa delle restrizioni Covid, sembra invece essere cambiato l’umore degli abitanti. Con l’Olimpiade chiusa al pubblico, ruolo fondamentale è stato e continua a essere quello delle tv: già nei giorni scorsi le emittenti avevano registrato una impennata degli ascolti in tutto il Giappone, grazie anche alle imprese degli atleti di casa che hanno ben piazzato il Paese nel medagliere generale. Ma negli ultimi giorni un altro dato supporta la tesi: da magliette a spillette, passando per ventagli e cappellini, sono aumentate le vendite del merchandising ufficiale dei Giochi, per quello che comunque – nonostante lo scetticismo iniziale ai limiti della contrarietà – è un evento che magari capita una sola volta nella vita. Ecco così comparire le file fuori e dentro i negozi che vendono gadget ufficiali, come quello nei pressi dello stadio Olimpico che questa mattina ha ospitato le prime prove di atletica. Con le gare chiuse al pubblico, sono molti gli addetti ai lavori tra i clienti degli store, ma tantissimi anche i giapponesi che non vogliono lasciarsi sfuggire l’occasione di assicurarsi un ricordo di un’Olimpiade a suo modo comunque storica.

C’è una mamma che compra magliette per i suoi due bambini, c’è chi ‘assalta’ l’espositore dei portachiavi o si aggira curiosando tra scaffali e banconi dove sono esposti gadget griffati Tokyo 2020. Il tutto nonostante negli ultimi giorni nella metropoli siano sensibilmente aumentati i casi di Covid-19, insieme però all’insofferenza di molti cittadini – per la maggior parte giovani – alle misure anti-Covid. Mentre il sito del merchandising ufficiale è andato in tilt a causa del traffico eccessivo, proprio il punto vendita vicino allo stadio, nel quartiere di Shinjuku, è stato fornito con circa 1.700 articoli andati però rapidamente esauriti.

Insomma, seppur con lentezza sembra che la fiamma olimpica abbia iniziato ad accendere i cuori dei giapponesi. Alle file dei negozi, infatti, si sommano quelle per avere un’immagine con lo sfondo degli iconici cinque cerchi olimpici: code ordinate in perfetto stile giapponese per guadagnare alcuni secondi in pole position e scattare una foto ricordo o immortalare con un selfie la propria presenza, pure se virtuale, ai Giochi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»