VIDEO | Nuovo Sud, Maiorana: “Difendiamo il futuro dei nostri figli”

Il Movimento correrà con una sua lista alle prossime elezioni comunali, a Napoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Una completa emarginazione della nostra gente, un tradimento totale della nostra terra, condizioni sociali ed economiche da terzo mondo a differenza delle condizioni che si sono creati al Nord, furti perenni di diritti oltre che di economia”. Così il sicilianista Enzo Maiorana spiega alla Dire le ragioni che lo hanno portato, insieme a Gennaro De Crescenzo e ad altri, a fondare il ‘Movimento per il nuovo Sud’ presentato oggi a Napoli.

“Non potevamo più – prosegue – guardare, assistere impassibili. Non potevamo che difendere, innanzitutto, il futuro dei nostri figli. Non è possibile che i nostri giovani solo per ottenere una speranza di vita dignitosa debbano abbandonare luoghi e persone care andando a vivere da un’altra parte: fare gli emigranti a vita per necessità non è dignitoso. Non possiamo che difenderci – sottolinea – con un progetto politico che faccia capire davvero qual è l’interesse dei meridionali”.

Maiorana tiene anche a chiarire il senso del termine ‘meridionalismo‘ definendolo come “una corrente di pensiero, una mentalità, una battaglia per la propria dignità, voglia di pulizia morale e giustizia sociale. E al di là delle vecchie recriminazioni si propone un progetto per una società futura favorevole allo sviluppo economico e ai giovani”.

Sulle prossime elezioni regionali in Campania Maiorana ammette che il Movimento non è pronto con una lista, ma che darà un appoggio “solo se si presenta qualcuno dei tanti movimenti meridionalisti che noi cercheremo di raggruppare”. Storia diversa per le comunali di Napoli del prossimo anno dove, assicura, “saremo presenti con una nostra lista”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»