VIDEO | Sentenza Corinaldo, Curi: “Non hanno capito che hanno fatto, ho 4 figli che non hanno più una madre”

"Speravo nel massimo anche se nessuna pena sarebbe stata abbastanza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “Io avrei preferito che fosse stato dato il massimo della pena richiesta dai pm ossia 18 anni. Anche se per me nessuna pena sarebbe stata abbastanza: ho quattro figli che non hanno piu’ la madre ed io non ho piu’ una moglie con cui ho creato tutta una vita. Mi hanno rovinato la vita”. A parlare e’ Paolo Curi vedovo di Eleonora Girolimini -la mamma di 39 anni che perse la vita insieme ad altri cinque adolescenti nella notte tra il 7 e l’8 dicembre- dopo la sentenza di condanna per la tragedia della discoteca di Corinaldo a carico di Ugo Di Puorto, Raffaele Mormone, Andrea Cavallari, Moez Akari, Souhaib Haddada e Badr Amouiyah. “Il reato di associazione era molto difficile da poter dimostrare- dice Curi-. Vedere questi ragazzi in aula mi ha fatto un bruttissimo effetto. Erano molto spavaldi. Ogni tanto si giravano e guardavano. Non mi sono sembrate persone che hanno capito quello che hanno fatto. Si sono resi conto che era il minimo di quello che potevano meritare. E ora provero’ a spiegare ai miei figli, che sono rimasti a casa, perche’ queste persone sono state cosi’ cattive. Provero’ a dire loro che passeranno diversi anni in carcere. Sara’ magari una piccola soddisfazione. Questi non sono i soliti ragazzi ma sono giovani criminali. Giustizia e’ stata fatta a meta’”.

Ad accompagnare Curi in Tribunale ad Ancona c’era la figlia piu’ grande. “Anche mia figlia piu’ grande che e’ qui con me mi chiedeva ‘perche’ solo 12?’, ‘perche’ solo 12?’- dice Curi-. Ora aspettiamo il prossimo processo perche’ secondo me sono molto piu’ colpevoli di queste persone. Se chi ha riaperto la discoteca nel 2017, quando era ancora chiusa, non l’avesse fatto mia moglie sarebbe stata ancora con noi. Questi ragazzi hanno fatto lo stesso genere di cose in altre discoteche e non e’ morto nessuno. Io ero li’ dentro e posso dire che li’ dentro si respirava aria di non sicurezza, era sovraffollata all’inverosimile. La tragedia poteva venire fuori da qualsiasi cosa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»