fbpx

Tg Lazio, edizione del 30 luglio 2020

“TROPPE VIOLAZIONI”, SIGILLI A TUTTO IL TMB DI ROCCA CENCIA

Sigilli all’intero tmb di Rocca Cencia, di proprieta’ di Ama. La Procura di Roma ha esteso il sequestro all’intero impianto, dopo il provvedimento di blocco delle vasche dove si lavorano i rifiuti organici dello scorso 13 luglio. Secondo i Pm l’Autorizzazione integrata ambientale concessa all’impianto nel 2011 non sarebbe stata rispettata da diverso termpo: le violazioni sarebbero una produzione di scarti classificati con un codice errato e il mancanto rispetto delle condizioni di sicurezza dei lavoratori e della tutela ambientale. Sei in tutto gli indagati tra cui Stefano Bina, ex direttore generale, e Massimo Bagatti, ex amministratore unico. L’impianto ora è sotto l’amministrazione controllata di un custode giudiziario, Luigi Palumbo, lo stesso che ha gestito gli impianti di Malagrotta, con il compito di mettere a punto gli interventi di manutenzione straordinaria per l’adeguamento tecnico della struttura.

SU 55 MIGRANTI PORTATI A LATINA 12 POSITIVI AL COVID, È POLEMICA

Monta la polemica politica per l’arrivo di 55 migranti a Latina, dopo il loro sbarco a Lampedusa. Dodici di loro, infatti, sono risultati positivi al Covid-19: si tratta di 11 minori, tra i 16 e i 17 anni, e di un 21enne, trasferiti all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. In programma un vertice in Prefettura, alla presenza del direttore generale della Asl Giorgio Casati, per decidere come affrontare la situazione.

“PESTATO DA UN POLIZIOTTO IN BORGHESE”, LA DENUNCIA DI UN 23ENNE ROMA

Un ragazzo di 23 anni ha raccontato, in un’intervista al free-press Leggo, di essere stato aggredito e malmenato da un poliziotto in borghese mentre tornava a casa dopo una serata a Trastevere in compagnia di un suo amico. Dopo la denuncia presentata ai Carabinieri di Porta Portese, la Procura di Roma ha aperto un fascicolo. Dopo l’aggressione sono stati necessari cinque punti di sutura sul labbro. Sul fatto interviene anche la politica: “È necessario fare chiarezza immediatamente usando tutti i mezzi che abbiamo a disposizione.
Lo dobbiamo al ragazzo e lo dobbiamo alle forze di polizia», ha detto l’eurodeputato Massimiliano Smeriglio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

30 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»