Uccise gorilla di montagna in un parco protetto in Uganda, condannato a 11 anni

L'uomo è stato condannato per bracconaggio: aveva ucciso anche un esemplare di facocero e uno di un cefalofo dalla fronte nera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Uganda è stato condannato a 11 anni di reclusione l’uomo che ha ucciso Rafiki, un raro esemplare di gorilla di montagna. Davanti ai giudici del tribunale di Kabale, nell’ovest del Paese, Felix Byamukama si è dichiarato colpevole del reato di bracconaggio all’interno di un parco naturale protetto.

LEGGI ANCHE: Bracconaggio, in pericolo i grandi gorilla africani

Durante la sua spedizione di caccia, l’uomo ha ucciso anche un esemplare di facocero e uno di un cefalofo dalla fronte nera. L’Uganda vanta una particolare attenzione per i parchi naturali protetti, e le escursioni guidate per vedere i gorilla nel loro habitat naturale attirano migliaia di turisti da ogni parte del mondo ogni anno.

La carcassa del gorilla era stata ritrovata dalle guardie forestali a giugno: l’animale, che era stato chiamato Rafiki dai ricercatori, riportava ferite da arma da fuoco all’altezza del ventre. Si trattava di un raro esemplare di gorilla di montagna, di cui restano poche centinaia di esemplari sparsi tra Uganda, Repubblica Democratica del Congo e Ruanda.

LEGGI ANCHE: Di Caprio, Jenkins e Netflix a lavoro su ‘Virunga’: film sui gorilla a rischio estinzione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»