In Giappone riportati in vita batteri vecchi di 100 milioni di anni, vivevano con i dinosauri

Risalgono al periodo cretaceo e abitavano il pianeta Terra in contemporanea ai dinosaurI: sono stati ritrovati nelle profondità dell'oceano Pacifico, conservati in ambienti controllati alimentati con sostanze nutritive
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FUKUOKA – Il team di ricercatori provenienti dall’Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina (Jamstec), dalla Kochi University e dall’Università del Rhode Island negli Stati Uniti, è riuscito a far crescere batteri risalenti al periodo cretaceo, rinvenuti nelle profondità marine dell’Oceano Pacifico.

I ricercatori hanno scoperto che i batteri, che abitavano il pianeta 100 milioni di anni fa, quindi nel periodo dei dinosauri, se conservati in ambienti controllati e alimentati con le giuste sostanze nutritive, sono in grado di riattivarsi e moltiplicarsi: questo è quanto riportato nel testo completo della ricerca pubblicata sulla rivista scientifica britannica Nature.

“Il nostro massimo obiettivo è quello di riuscire a comprendere il meccanismo che ha portato questi microorganismi a sopravvivere senza avere abbastanza nutrienti”, ha dichiarato Yuki Morono, capo ricercatore del Jamstec.

Leggi qui la presentazione della ricerca 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»