Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tav, M5s: “Chi oggi lancia accuse al veleno farà alleanze di convenienza”

"In parlamento vedremo le facce di chi dice si' a miliardi di sprechi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Tav è uno spreco gigantesco, ma non solo: è anche l’ennesimo sfregio all’ambiente. In Parlamento vogliamo guardare negli occhi chi ogni giorno si maschera dietro un finto ambientalismo per poi cementificare, deturpare, inquinare”. Portando la mozione No Tav in Parlamento “vedremo”, scrive M5S sul Blog delle Stelle, “chi oggi si lancia accuse al veleno, andare a braccetto e fare alleanze di convenienza. Vedremo tutto questo”.

M5S: IN PARLAMENTO VEDREMO FACCE DI CHI DICE SI’ A MLD SPRECHI

Portando la mozione No Tav in Parlamento “vedremo”, scrive M5S sul Blog delle Stelle, “chi tra 20 anni dirà che è colpa dei ritardi negli appalti, della corruzione e della burocrazia, se come probabile questo scempio di opera non vedrà mai la luce” In Parlamento “vedremo le facce di chi voterà e si porterà sulla coscienza uno spreco di miliardi di euro di soldi pubblici. Ricordiamo sempre, per chi se lo fosse dimenticato, che questo governo ha affrontato il dossier Tav con il massimo rigore, producendo un’analisi costi-benefici coordinata da esperti ed economisti di spessore. Il risultato è stato netto: 12 miliardi di costi, con perdite calcolate tra i 7 e gli 8 miliardi”.

M5S: RIMANGA AD ATTI NOSTRO NO, FUTURE GENERAZIONI GIUDICHERANNO

“Noi non molleremo fino alla fine. Vogliamo che rimanga agli atti questo nostro NO consapevole ad un’opera inutile e antistorica, affinché i giovani d’oggi possano giudicare in futuro. La storia ci consegnerà la verità sul Tav, quella verità che presto potrebbe essere sacrificata agli interessi dei soliti blocchi di potere”. Così M5S sul Blog delle Stelle. “Porteremo la mozione No Tav in Parlamento perché noi siamo rimasti coerenti. Diciamo sì alle opere pubbliche che servono agli italiani; diciamo no agli scempi, alle cattedrali nel deserto, alla cementificazione selvaggia, a opere antistoriche come la Torino-Lione”, dice M5S.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»