Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini vuole incontrare Daisy Osakue: “Ma l’emergenza razzismo è una sciocchezza”

"L’immigrazione di massa permessa dalla sinistra non ha aiutato, per questo sto lavorando per fermare scafisti e clandestini"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ogni aggressione va punita e condannata, sono e sarò sempre a fianco di chi subisce violenza. Di certo l’immigrazione di massa permessa dalla sinistra negli ultimi anni non ha aiutato, per questo sto lavorando per fermare scafisti e clandestini. Emergenza razzismo in Italia? Non diciamo sciocchezze, ricordo che solo negli ultimi tre giorni, nel silenzio generale, la Polizia ha arrestato 95 immigrati, mentre altri 414 sono stati denunciati”. Così il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini.

All’atleta Daisy Osakue il ministro augura una veloce guarigione: “Spero di incontrarla e vederla gareggiare il prima possibile” aggiunge.

Leggi anche:

Razzismo, aggredita stella della nazionale italiana di atletica: “Pensavano fossi una prostituta”

Razzismo, l’aggressione non ferma Daisy Osakue: sarà agli europei di atletica

Far West Italia, ecco tutti gli episodi di violenza razzista negli ultimi mesi

Razzismo, il Pd chiama Salvini: “Riferisca su escalation violenze”

Salvini: “Picchiare è reato ma le accuse di razzismo sono folli”

“Tanti nemici, tanto onore”: Salvini cita il motto fascista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»