NEWS:

Julian Assange cittadino onorario di Genova, la proposta in commissione

L'idea lanciata dall'ex senatore e consigliere comunale Mattia Crucioli. Lunedì si discute

Pubblicato:30-06-2023 16:16
Ultimo aggiornamento:30-06-2023 16:16

Julian Assange
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

GENOVA – Julian Assange cittadino onorario di Genova. La proposta arriva dal consigliere comunale di Uniti per Costituzione, Mattia Crucioli, che lunedì la discuterà in commissione, cercando di convincere i colleghi di opposizione e, soprattutto, quelli di maggioranza a portare la votazione in consiglio comunale.

“Penso che sia particolarmente attuale e importante come segnale politico perché la libertà di espressione e il giornalismo di inchiesta che va contro determinati poteri politici, ma anche interessi economici o mafiosi, è una battaglia che va perseguita con tutte le forze e che trova in Assange un simbolo molto potente, visto che sta sacrificando la sua vita per aver divulgato dei segreti orrendi del potere più profondo dell’Occidente- afferma l’ex senatore di Movimento cinque stelle e dell’Alternativa, interpellato dall’Agenzia Dire- la connessione tra libertà di stampa e democrazia, oggi, in tempi di guerra, va riaffermata con forza. Da consigliere comunale e come istituzione cittadina, con questa iniziativa, possiamo riconoscere a un eroe dei nostri tempi un tributo dovuto“.

Secondo le interlocuzioni formali avute finora da Crucioli, la proposta dovrebbe essere appoggiata da tutta l’opposizione, mentre la maggioranza di centrodestra non ha ancora preso posizione. Nelle premesse al documento che propone la cittadinanza onoraria al co-fondatore di Wikileaks, Crucioli sostiene che “la persecuzione di Julian Assange appare un monito a chiunque voglia raccoglierne il testimone nel perseguire un diritto all’informazione senza padroni. E, altresì, che la difesa della trasparenza, della democrazia e dei diritti umani non può essere oggetto di doppia morale“. L’ex senatore chiede anche al Comune di organizzare un’adeguata cerimonia per l’eventuale conferimento della cittadinanza onoraria.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it