hamburger menu

Festival dell’innovazione scolastica, scelti i 30 progetti più creativi

Sono oltre 80 le scuole iscritte all'edizione 2022, di cui 30 quelle selezionate. I progetti saranno presentati dal 2 al 4 settembre a Valdobbiadene

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Sono stati scelti gli istituti che dal 2 al 4 settembre a Valdobbiadene rappresenteranno il meglio dell’innovazione didattica al Festival dell’innovazione scolastica. “È stato un lavoro impegnativo, per il gran numero di progetti presentati, e difficile, per la loro qualità- esordisce Luigi Ballerini, medico, esperto di educazione e scrittore per ragazzi, presidente del Comitato- Abbiamo privilegiato le esperienze creative, quelle che a nostro avviso possono essere replicate e contribuire a rendere migliore e maggiormente inclusiva la scuola”.

IL FESTIVAL DELL’INNOVAZIONE SCOLASTICA

Il Festival ha il merito di riunire e divulgare i progetti interessanti, le esperienze didattiche avanguardistiche, fornendo una panoramica sul bello della scuola italiana. E allora ecco ‘#6FUORI! spazi flessibili per scuole del nuovo mondo’ o ‘La matematica del contagio: modelli epidemiologici come strumento di cittadinanza scientifica … Contagiamoci di spirito di squadra!’, o ancora ‘Dal parco letterario al Sant’Ippolito urban virtual treck: come il service learning abbia permesso di realizzare un percorso turistico culturale reale e virtuale’. Ma c’è pure il progetto del bazar linguistico, della scuola-museo, della classe-orchestra.

Le scuole selezionate sono trenta, di ogni ordine e grado, e rappresentano l’intero Paese: Calabria, Emilia, Sicilia, Veneto, Piemonte, Marche, Puglia, Trentino, Lazio, Liguria e Lombardia. I numeri del Festival 2022 sono già una soddisfazione. “Più di ottanta scuole iscritte e trenta selezionate– aggiunge Alberto Raffaelli, preside della Scuola di Ristorazione ‘Dieffe’ di Valdobbiadene e ideatore della rassegna insieme a ISISS ‘Verdi’ di Valdobbiadene e ad ApiS, Associazione Amore per il Sapere- Se l’esordio è stato un successo, la seconda edizione del Festival nazionale dell’Innovazione Scolastica, si preannuncia piuttosto interessante e per diversi motivi. Dirigenti e i docenti che lo scorso anno sono stati nostri ospiti sono impazienti di tornare a Valdobbiadene e di seguire i lavori del Festival, che si sta affermando come fucina dell’innovazione scolastica. Certamente è il luogo della condivisione e della trasmissione delle buone pratiche cresciute e sperimentate dal basso”.

IL VALORE DELLA COLLABORAZIONE

Nessuna competizione. Il Festival poggia sul valore della collaborazione diffusa e generosa e da voce alla scuola, a chi la vive e la ama, connettendo le esperienze positive e stimolando la sperimentazione, attraverso creatività e la passione. La mission, fare della scuola un luogo sempre più inclusivo. “L’innovazione scolastica- afferma Marco Ferrari, dirigente scolastico del liceo ‘Malpighi’ di Bologna e presidente di ApiS- si gioca sulla qualità dei suoi docenti, che si interseca con l’energia dei loro allievi. Insomma il futuro della scuola si gioca sul capitale umano”.

I TEMI

Tre i temi dei progetti 2022: La didattica come luogo di socialità e di edificazione della persona in un’ottica di sostenibilità, ecologia ed educazione civica; Il lavoro come metodo educativo e formativo: non solo imparare in vista di un lavoro, ma il lavoro come ambito in cui imparare; Tutti presenti: percorsi scolastici innovativi di contrasto alla dispersione scolastica anche in una dimensione di superamento dello schema classe.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-30T11:55:49+02:00