Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Agenzia italiana per la cooperazione pubblica le Linee guida sull’infanzia e l’adolescenza

pace_bimbi
Nel testo si evidenzia la centralità di un approccio "integrale" ed "ecologico", basato sui diritti dei minori e "focalizzato sulle cosiddette 4P": 'Prevention of rights violation', 'provision rights', 'protection rights' e 'participation'.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Un documento scritto con “approccio fortemente partecipato e multi-stakeholder” che “costituisce una peculiarità della cooperazione italiana” e “consente di restituire la trasversalità e multidimensionalità con cui i diritti delle bambine, dei bambini e delle/degli adolescenti sono implicati nelle iniziative di cooperazione”. Sono queste, secondo il direttore Luca Maestriperi, le caratteristiche delle Linee guida sull’infanzia e l’adolescenza adottate questo mese dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics). Il testo, si legge nell’introduzione, è nato dalla consapevolezza che le attività della cooperazione allo sviluppo “non possono prescindere da un costante focus su bambine, bambini e adolescenti, che saranno il futuro di ogni società e che, per questo, diventano protagonisti di sviluppo e contribuiscono alla costruzione di un mondo migliore”.

Nel documento si menziona un composito quadro di riferimento sia a livello internazionale ed europeo che nazionale, che parte dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (Crc) e si articola, tra gli altri documenti, attraverso l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e il Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva, senza dimenticare la Legge 125 sulla “Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo”.
Nel testo si evidenzia inoltre la centralità di un approccio “integrale” ed “ecologico”, basato sui diritti dei minori e “focalizzato sulle cosiddette 4P“: ‘Prevention of rights violation’, ‘provision rights’, ‘protection rights’ e ‘participation’.

“Dobbiamo avere una visione sistemica e uno sguardo lungo, ricordare l’essenza dell’Agenda 2030 e investire in interventi multidimensionali che agiscano su più fronti” evidenzia ancora Maestripieri in un editoriale pubblicato su Oltremare, web magazine di Aics, in occasione dell’uscita delle Linee guida.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»