Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La mossa dei deputati M5s: “Convochiamo Grillo e Conte alla Camera”

stefano buffagni
Stefano Buffagni prova a tranquillizzare le anime in pena dei parlamentari M5s
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nessuno ci ha interpellato. Ma contiamo qualcosa o no?“. Stefano Buffagni prova a tranquillizzare le anime in pena dei parlamentari M5s. Giardino di Montecitorio. L’arrivo del deputato lombardo piomba nel bel mezzo di una riunione estemporanea tra una decina di deputati. Il cronista della Dire, nei pressi, non può fare a meno di ascoltare. Tra meno di un’ora si terrà l’assemblea del gruppo. Ordine del giorno: il Movimento collassa. “Ma cosa diciamo?”, chiedono i deputati a Buffagni. “Gli chiediamo di venire tutti e due alla Camera e di spiegarci cosa sta succedendo”, dice Buffagni. Una deputata traduce l’ansia in spavento. “Qui?”. Buffagni al solito ironico. “E dove da Grillo? Costa 12mila 800 euro la settimana. Non ce lo possiamo permettere“, risponde col sorriso.

Quindi Stefano Buffagni torna serio. “Diamo un segno della nostra esistenza. A voi qualcuno ha detto niente? E allora… Facciamoli venire qui, convochiamo tutti e due e ci facciano sapere come stanno le cose. Io stesso non sono stato informato. Non so niente“.

L’occasione è propizia anche per una previsione sul voto con la piattaforma Rousseau. La mossa di Grillo potrebbe rivelarsi un buco nell’acqua. “Serve il 51 per cento degli iscritti. La maggioranza assoluta. E non ci sono. Io i numeri ce li ho”, rassicura Buffagni. Sospiri dei deputati, affranti.

LEGGI ANCHE: Salpa la nave dei folli con Grillo al timone, verso dove non si sa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»