Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

De Magistris contro De Luca: “A dimettersi dovrebbe essere lui”

de magistris_de luca-min
"Il governatore dovrebbe essere sanzionato perché sta violando la legge in materia sanitaria e mettendo a rischio il rilancio economico e turistico di Napoli e la salute dei nostri concittadini"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Se proprio ci sono delle dimissioni da dare, in questo momento non penso che le debba dare il governo che deve garantire l’uniformità nazionale, ma forse chi si mette di ostacolo rispetto al contrasto nazionale della pandemia”. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, a margine della presentazione del francobollo speciale su Napoli di Poste Italiane, chiede le dimissioni del governatore della Campania Vincenzo De Luca.

Ai giornalisti che gli chiedevano cosa ne pensasse delle critiche rivolte dal presidente della Regione a Roberto Speranza e Francesco Paolo Figliuolo, l’ex Pm spiega che De Luca “dovrebbe essere sanzionato perché sta violando la legge in materia sanitaria e mettendo a rischio il rilancio economico e turistico di Napoli e la salute dei nostri concittadini”. “Chiedo al presidente De Luca – insiste il primo cittadino – di spiegare come mai ogni giorno ci sono sempre nuovi morti a Napoli e in Campania. Abbiamo i famosi ricalcoli quotidianamente, qualcuno mi deve spiegare perché abbiamo avuto un numero così esorbitante di morti a Napoli e in Campania, come mai sono stati spesi decine e decine di milioni per avere strutture che non sono state all’altezza durante il Covid. E, ancora, come mai la campagna vaccinale non va come dovrebbe andare? Come mai non sono state fatte le assunzioni che dovevano essere fatte? Queste sono le domande a cui dovrebbe rispondere il presidente della Regione, non mettersi contro il governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»