Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il sindaco di Milano: “Quella della Figc sul Black Lives Matter è una non posizione”

giuseppe sala
Sala commenta il rifiuto della nazionale ad inginocchiarsi prima delle partite di Euro 2020: "Tra persone visibili è normale cercare di capire se vogliono testimoniare una cosa oppure no"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Nicolò Rubeis

MILANO – “Non è una posizione, si può essere a favore o contro ma penso si debba avere una posizione“. Non va giù al sindaco di Milano l’atteggiamento ondivago della Figc in merito all’opportunità da parte dei giocatori della nazionale di inginocchiarsi prima delle partite ad Euro2020 per aderire alla campagna antirazzista ‘Black Lives Matter’.

Posizioni di Sala simili, anche se meno nette, a quelle del segretario Pd Enrico Letta. “Mi sembra un po’ semplificativo dire ‘quelli poi giocano a calcio’- afferma Sala, intervistato a margine di un’iniziativa all’Umanitaria di via San Barnaba- tutti noi facciamo un lavoro, ma è chiaro che tra persone visibili è normale cercare di capire se vogliono testimoniare una cosa o no“, dunque “questa loro è una non posizione“.

Intanto, sulla questione arriva la replica del segretario leghista, Matteo Salvini, il quale accusa la sinistra di schierarsi “contro” gli azzurri. “Lasciateli giocare (e speriamo vincere) in pace, che Letta e Sala si occupino di problemi veri, non di inginocchiamenti”, scrive il leader del Carroccio su Twitter.

“AZZURRI LIBERI DI AGIRE, MA SCELGANO”

“Chiariamo una cosa: io non sto dicendo che gli azzurri si debbano inginocchiare. Facciano quello che ritengono ma non mi sembra che il punto sia vediamo cosa fanno gli altri” chiarisce ancora Sala, poco prima di iniziare un dibattito con il leader di Azione Carlo Calenda al teatro Parenti di Milano.

Insomma, il punto è che per il sindaco quella della Figc e degli azzurri non è una presa di posizione convinta. “Facciano quello che vogliono– chiude Sala- sono ragazzi che gestiscono una visibilità importante, sono sempre sotto i riflettori. Io se fossi l’allenatore non gli consiglierei niente, o forse di prendere una posizione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»