VIDEO| In Kosovo Kfor sostiene il progetto contro la violenza di genere

Inaugurato a Zubin Potok, nel Kosovo settentrionale, il primo rifugio regionale per le sopravvissute alla violenza di genere
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ stato inaugurato a Zubin Potok, nel Kosovo settentrionale, il primo rifugio regionale per le sopravvissute alla violenza di genere che servirà i comuni di Leposavic/Leposaviq, Mitrovica settentrionale, Zvecan/Zveçan e Zubin Potok. Il progetto rappresenta un passo avanti critico e sostenibile nell’affrontare la violenza di genere nella regione.

La Missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK) ha supportato la ristrutturazione dei locali per ospitare e proteggere fino a 20 occupanti e ha fornito supporto per la costruzione di un’officina e strutture per serre. Questi saranno fondamentali per le attività terapeutiche ed economiche di potenziamento del rifugio. Al fine di rafforzare la sicurezza fisica fornita dai comuni, KFOR ha donato e installato un sofisticato sistema di telecamere di sicurezza per migliorare la sicurezza e il benessere dei residenti. Altri partner hanno fornito sostegno finanziario e si sono impegnati a sostenere gli sforzi dei comuni”. Così in una nota stampa, ripresa anche in un tweet, KFOR.

All’inaugurazione hanno partecipato il principale amministratore delegato del Nord Mitrovica, Adrijana Hodžic, insieme al sindaco di Zubin Potok, ai capi dell’UNMIK e dell’OSCE e al generale di brigata Larry Henry, capo di stato maggiore della KFOR.
“I governi locali- ha dichiarato Adrijana Hodžic, a proposito del potere della cooperazione e del coordinamento nel raggiungere questi risultati- hanno finalmente deciso di combattere istituzionalmente la violenza domestica. Le cose non cambieranno dall’oggi al domani, ma insieme, se la magistratura, la procura, i centri di assistenza sociale, la polizia e l’autogoverno locale lavoreranno tutti insieme, alla fine raggiungeremo l’obiettivo di un minor numero di vittime “e ha ringraziato KFOR per il supporto fornito in materia di sicurezza.

“Il generale di brigata Henry- continua la nota- ha espresso soddisfazione per la collaborazione con le istituzioni del Kosovo e la Comunità internazionale e ha ribadito l’impegno della KFOR per un ambiente sicuro a beneficio di tutti i cittadini del Kosovo”.

KFOR e UNMIK hanno già collaborato per sostenere progetti contro la violenza domestica: lo scorso anno l’UNMIK ha implementato il sistema di sorveglianza e KFOR ha installato un nuovo recinto attorno al rifugio multietnico per donne a Novoberde / Novo Brdo. Nel corso degli anni KFOR ha anche aiutato strutture simili di Gjakove, Peje e Prizren.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»