Hong Kong, approvata la legge contro sovversione e secessione

Il via libera, da parte del Congresso nazionale cinese, è giunto alla vigilia del 23° anniversario del trasferimento della sovranità su Hong Kong da Londra a Pechino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Approvata oggi in Cina una legge per la “sicurezza nazionale” che criminalizza tentativi di secessione, sovversione e collusione con forze straniere. Le nuove norme dovrebbero essere applicate anche a Hong Kong, l’ex colonia britannica attraversata negli ultimi anni da proteste di piazza e tensioni in chiave anti-Pechino. Il via libera, da parte del Congresso nazionale cinese, è giunto alla vigilia del 23° anniversario del trasferimento della sovranità su Hong Kong da Londra a Pechino. I dettagli del testo dovrebbero essere diffusi nel corso della giornata.

PARTITO ANTI-CINESE DEMOSISTO ANNUNCIA SCIOGLIMENTO

“Dopo un lungo dibattito interno, abbiamo deciso di sciogliere e interrompere tutte le operazioni del gruppo, date le circostanze”. Così in un tweet è stato annunciato lo scioglimento di Demosisto, il movimento fondato a Hong Kong per invocare riforme democratiche e maggiore autonomia della regione autonoma dalla Cina. Le “circostanze” indicate dai responsabili sono un riferimento alla legge sulla “sicurezza nazionale” da poco approvata da Pechino, che criminalizza ogni tentativo di secessione, sovversione e collusione con forze straniere. La legge, come denunciano da settimane vari attori della società civile di Hong Kong, dovrebbe permettere alle autorità di imbavagliare ogni tentativo di dissenso. Nel tweet Demosisto indica che sono già state accettate le dimissioni, tra gli altri, di Joshua Wong, tra i fondatori e i volti più attivi del movimento. Wong, in un altro tweet di poche ore prima aveva scritto: “E’ la fine di Hong Kong e l’inizio del regno del terrore. Pechino ha appena approvato la radicale Legge sulla sicurezza nazionale. Questo segna la fine di Hong Kong così come il mondo la conosceva prima”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»