Roma. Il marito della Raggi straccia i manifesti della Lega, che risponde: “Se la prende coi pischelli”

La Lega contro il marito del sindaco Virginia Raggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Lega contro il marito del sindaco Virginia Raggi, reo di aver stracciato dei manifestini del Carroccio.

“Incrociavo per caso 4 pischelli della Lega che imbrattavano la ciclopedonale con questi volantini sui pali della luce. Non ho resistito li ho staccati e gliene ho dette 4 e quelli che avanzano domani non ci saranno più. Il bello è che su questi volantini c’é scritto: Manifestazione contro il degrado della pista ciclopedonale. Gli mancano le basi, vedere uno stand della Lega a Torrevecchia, comunque, fa male al cuore”, ha scritto Andrea Severini, marito della sindaca su facebook.

Flavia Cerquoni, Coordinatore Lega Roma e Fernando Urciuolo,
Responsabile organizzativo Lega Roma, replicano al “compagno” della prima cittadina osservando che “quello che fa veramente male al cuore è vedere come è ridotta Roma. Dalla pista ciclabile lasciata nel più completo degrado ai cumuli di rifiuti non raccolti ai bordi delle strada, Roma è in stato di abbandono. La nostra manifestazione autorizzata e condivisa con i cittadini ha voluto mettere in luce uno dei tanti problemi che ci sono nel nostro municipio. Quello che fa male è prendere atto della deriva antidemocratica di chi, in chiara difficoltà politica e amministrativa, sceglie di prendersela con “quattro pischelli della Lega” e stracciargli il volantino in faccia. La Lega sul territorio è presente e continuerà a sostenere le battaglie a favore di tutti i cittadini, contro questa giunta municipale e comunale a 5 stelle, incapace di dare risposte concrete”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»