Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Open Arms contro l’Italia: “Avete fatto morire 100 persone in mare”

La ong accusa la Guardia Costiera italiana e quella libica di aver ignorato l'allarme sul barcone in difficoltà: nel naufragio sono morte 100 persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Continuano le polemiche dopo il naufragio di un gommone che, nella giornata di ieri, è costato la vita a circa 100 migranti, tra cui almeno tre bambini. L’Ong Proactiva Open Arms punta oggi il dito contro le autorità italiane e libiche, colpevoli di aver ignorato l’appello della nave della Ong che sarebbe potuta intervenire per salvare i migranti.

Stando a quanto dichiarato dai rappresentanti di Proactiva Open Arms attraverso il profilo twitter dell’europarlamentare socialista spagnolo Javi Lopez, infatti, la stessa Ong avrebbe provato a contattare le capitanerie di porto italiane e libiche per segnalare la presenza di una imbarcazione in difficoltà. L’appello però sarebbe stato ignorato dalle due autorità portuali, che avrebbero il compito di coordinare le operazioni di salvataggio nella zona SAR libica.

Il naufragio è avvenuto ieri mattina a 6 km dalle coste libiche, ed ha causato la morte di circa 100 migranti, tra cui almeno tre bambini, 30 donne e 70 uomini. Solo 16 i superstiti, adesso presi in carico dal team medico dell’agenzia Onu per i rifugiati, l’Unhcr. Secondo quanto riferito dalla stessa agenzia, i naufraghi avrebbero nuotato per più di un’ora in attesa dei soccorsi.

Questa mattina intanto la nave di Proactiva Open Arms ha effettuato un nuovo salvataggio al largo della Libia, recuperando 59 migranti su un barcone alla deriva.

SALVINI: OPEN ARMS SI SCORDI ARRIVARE IN PORTO ITALIANO

“La nave Open Arms, di Ong spagnola con bandiera spagnola, si è lanciata poco fa verso un barcone e, prima dell’intervento di una motovedetta Libica in zona, ha in tutta fretta imbarcato una cinquantina di immigrati a bordo”. Lo scrive su facebook Matteo Salvini, ministrod ell’Interno.

“Questa nave- aggiunge- si trova in acque Sar della Libia, porto più vicino Malta, associazione e bandiera della Spagna: si scordino di arrivare in un porto italiano. Stop alla mafia del traffico di esseri umani: meno persone partono, meno persone muoiono”.

MALTA: SALVINI SMETTA DIFFONDERE NOTIZIE SCORRETTE

“Matteo Salvini solo per chiarire che intervento Open Arms e’ accaduto in SRR Libica tra Libia e Lampedusa, Italia. La smetta di diffondere notizie scorrette tirando in ballo Malta senza alcuna ragione. Pubblichiamo mappa cosi tutti possono constatare. Questi sono fatti non opinioni”. Lo scrive su twitter il ministro dell’Interno Maltese Michael Farrugia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»