Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Di Maio: “Sul gioco d’azzardo non torno indietro: stop alla pubblicità”

"Se come credo riscuoteremo successo, proporrò che la stessa legislazione venga applicata in tutti i Paesi dell'Unione Europea"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Oggi il rappresentante in Italia di una società svedese del gioco d’azzardo online, Niklas Lindhal, mi ha scritto una lettera aperta, pubblicata a pagamento sul Corriere della Sera”. Così il ministro del Lavoro Luigi Di Maio su Facebook. “L’ho letta- racconta- nel treno da Roma a Milano. Mi scrive a proposito del divieto della pubblicità al gioco d’azzardo che ho inserito nel Decreto Dignità per contrastare seriamente la piaga dell’azzardopatia. Immagino che le sue argomentazioni siano condivise dagli altri operatori del settore, quindi rispondo a lui per rispondere a tutte le società che si occupano di azzardo”.

“Gentile Niklas- scrive il vice premier- prima di tutto è completamente fuorviante parlare di proibizionismo. Quello che viene vietato è la pubblicità a un prodotto o servizio, non il prodotto in sè. La logica che viene applicata è quella che ha portato al divieto della pubblicità sulle sigarette”.

In un lungo post Di Maio sottolinea che “il fenomeno principale che voglio debellare con questa norma è l’azzardopatia. Se è vero che le entrate fiscali derivanti dal gioco valgono svariati miliardi, è anche vero che i costi sociali dell’azzardopatia in Italia sono quasi altrettanti. La nostra Costituzione mette la persona al centro e recita che “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana”. Per me l’azzardopatia è un ostacolo ed è mio compito rimuoverlo e abbiamo individuato il divieto della pubblicità all’azzardo come strumento. Non torneremo indietro. Anzi: se come credo riscuoteremo successo, proporrò che la stessa legislazione venga applicata in tutti i Paesi dell’Unione Europea”.

“Ho il dovere di tutelare la salute e la qualità della vita dei miei concittadini. E lo farò fino in fondo perchè gli unici a cui devo rendere conto sono gli italiani”, è la conclusione della riposta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»