Unità di biocontenimento, un’eccellenza tutta italiana

ROMA - Prima il medico siciliano Fabrizio Pulvirenti, poi l’infermiere sardo Stefano Marongiu. Per entrambi l’Aeronautica, unica insieme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Prima il medico siciliano Fabrizio Pulvirenti, poi l’infermiere sardo Stefano Marongiu. Per entrambi l’Aeronautica, unica insieme al Regno Unito ad avere questo tipo di unità di biocontenimento, ha messo in moto la propria squadra: 30 persone altamente specializzate e addestrate e una tecnologia d’avanguardia pronte a partire in qualsiasi momento da Pratica di Mare.

Nel cuore dell’unità di biocontenimento dell’Aeronautica Militare campeggiano le barelle isolate aviotrasportabili: sistemi a pressione negativa con filtri ad altra efficienza che impediscono la fuoriuscita di qualsiasi minima particella infettiva. Un impressionante sistema ‘sottovuoto’ ad alta resistenza che consente ogni tipo di intervento sanitario dall’esterno per l’assistenza al paziente contagiato. A spiegare all’agenzia Dire i dettagli di questa tecnologia avanzata è Marco Lastilla, tenente colonnello e medico specialista in malattie tropicali ed infettive [Prosegue nel notiziario DIRE in abbonamento]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»